Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Verbali di udienza: la comunicazione viaggia in formato digitale - Modello 13 (sintesi)



Verbali con una marcia in più


Con il processo di tipo accusatorio (introdotto nel 1989) e la centralità del dibattimento, la preparazione del processo passa per lo studio approfondito dei verbali di udienza.

In passato, il pubblico ministero si procurava i verbali chiedendo una copia al tribunale. Ma oggi diversi uffici traspongono su supporto informatico i verbali. I vantaggi sono diversi:

  • si elimina il lavoro materiale di fotocopiatura
  • si evita la duplicazione di materiale cartaceoche, in genere è destinato al macero (si tratta di copie non ufficiali destinate aingombrare gli spazi sempre più esigui dei palazzi di giustizia).
  • i verbali di udienza possono essere conservati in archivio per eventuali successive consultazioni.





Pubblico ministero e non solo

Si tratta di pratiche organizzative virtuose che, nate soprattutto per permettere la comunicazione dei verbali di udienza dal tribunale al pubblico ministero,  progressivamente hanno finito per rappresentare anche una modalità di invio degli atti ai difensori.



Innovazione in più fasi

Queste buone prassi nascono da protocolli tra tribunale e procura e tra tribunale e consiglio dell’ordine degli avvocati.

La forma più semplice prevede la trasmissione telematica di documenti scannerizzati.

In alcuni casi è possibile redigere direttamente in udienza il verbale in formato elettonico, così che possa essere utilizzato immediatamente l’invio telematico.

In un prossimo futuro sarà disponibile lo strumento di Consolle penale, con il quale il pubblico ministero potrà accedere in via diretta ai verbali.



Una soluzione buona per tutti

La tecnica sperimentale risulta esportabile in qualsiasi ufficio giudiziario, a prescindere dalle dimensioni.

Non sono richieste risorse umane né materiali aggiuntive.



Uffici coinvolti

Tribunale di Castrovillari

Tribunale di Pesaro

Procura della Repubblica di Bolzano

Tribunale di Civitavecchia

Tribunale di Velletri

Tribunale di Napoli

Procura della Repubblica di Lucca 



  • Email