Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Parere richiesto dal Ministro della giustizia sul disegno di legge recante modifiche alla composizione ed alle competenze del Tribunale penale per i minorenni, approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 1° marzo 2002.

pareri e proposte


25 luglio 2002
Parere richiesto dal Ministro della giustizia sul disegno di legge recante modifiche alla composizione ed alle competenze del Tribunale penale per i minorenni, approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 1° marzo 2002.

Con deliberazione del 25 luglio 2002 il C.S.M., chiamato a rendere il parere prescritto dalla legge n.195 del 1958 sul disegno di legge attraverso il quale si intende modificare la composizione e le competenze del Tribunale per i minorenni, ha analizzato l’intero intervento normativo, incentrato sulla separazione delle competenze penali e civili attualmente attribuite al Tribunale per i minorenni, che il disegno di legge governativo intende realizzare attraverso il trasferimento della materia civile a sezioni specializzate per la famiglia e i minori da istituire nell’ambito dei tribunali ordinari, riservando così al Tribunale per i minorenni le sole competenze penali.

Elementi salienti della progettata riforma sono:

  • la riduzione del numero dei componenti privati, giustificata dall’esigenza che “la maggioranza rispecchi in ogni caso una specializzazione di carattere giuridico”;
  • l’affermazione della necessità di “preservare un più accentuato profilo dì specificità del settore penale minorile”;
  • la sensibile accentuazione del rigore di alcuni strumenti processuali, ivi comprese le misure cautelari, secondo linee di fondo che il C.S.M. non condivide sotto più aspetti;
  • la restrizione nel ricorso all’istituto della sospensione del processo e della messa alla prova;
  • il capovolgimento della filosofia che ispira la disciplina dell’esecuzione della pena;
  • la garanzia in termini più incisivi della posizione del minore nel procedimento penale, tendenza che, invece, il C.S.M. valuta positivamente.

allegati

file Delibera del 25 LUGLIO 2002 Delibera del 25 LUGLIO 2002 (43,4 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale