Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

La mappa dell’innovazione

Complessivamente in un anno (dal 17 giugno 2015 al 15 maggio 2016), tribunali, corti e procure hanno segnalato al Consiglio 709 buone prassi, di cui 445 per gli uffici giudicanti e 264 per i requirenti. 


Tipologie di Buone prassi

Il team di progetto ha rilevato 347 buone prassi su “Pianificazione della gestione dei carichi di lavoro, smaltimento dell'arretrato e ragionevole durata del processo”, 108 in materia di “Assistenza al magistrato - Ufficio per il processo”, e 254 “Buone prassi in materia di informatica”.

Il grafico n. 1 evidenzia i risultati in percentuale.



Distribuzione per tipo di ufficio

Distinguendo per grado degli uffici, 569 sono i progetti adottati in primo grado e 77 quelli in secondo grado. Nell’ambito della sorveglianza i progetti pervenuti sono 63.

Nel grafico n. 2 è visibile la distribuzione delle diverse buone prassi adottate per tipologia e tipo di ufficio.


file grafico n. 2.pdf grafico n. 2.pdf (57,8 kB)


Distribuzione geografica

Il Nord continua a essere l’area geografica in cui si sviluppano il maggior numero di buone prassi (38% del totale nazionale) anche se il divario con le altre due grandi aree del Paese si è sensibilmente ridotto. 


file grafico n. 3.pdf grafico n. 3.pdf (42,9 kB)



  • Email