Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

iniziative

corsi per i giudici


***********

2018 - Il Processo telematico.

I. - Il compito nomofilattico della Corte di cassazione si estende alle nuove questioni sollevate dalla sempre maggiore diffusione di atti e documenti telematici e delle loro modalità di trasmissione, con specifico riferimento alla instaurazione dei giudizi, anche di legittimità, in seguito a notifiche telematiche.

In tale ottica, la Struttura di formazione decentrata della Corte di cassazione in collaborazione con l’Ufficio per l’innovazione della Corte di cassazione e della Procura generale e il CED organizza tre seminari in tema di informatica giudiziaria nei giorni 14, 20 e 26 marzo 2018.

Gli incontri di studio intendono approfondire la comprensione delle modalità di realizzazione e trasmissione di atti e documenti telematici, nonché la normativa di settore.

II. - La prima sessione sarà dedicata a un inquadramento delle questioni principali.

Saranno affrontati i temi delle fonti del diritto dell’informatica e del processo telematico, del documento digitale e della sua conservazione in Italia e in Europa, dell’identità digitale e delle firme elettroniche, della tutela dei dati personali con riferimento ai dati giudiziari

III. - La seconda sessione vedrà un approfondimento dei temi più dibattuti e delle questioni giurisprudenziali aperte nel settore civile e penale sul deposito degli atti telematici, sulla comunicazione e sulla notifica telematica.

IV. - La terza sessione sarà specificamente dedicata alla giurisprudenza della Corte di cassazione che affronta i temi processuali determinati dalla attuale gestione essenzialmente cartacea del relativo processo e dalla impossibilità di depositare atti e documenti informatici.

 

Prima sessione: 14 marzo 2018

Ore 14.30 – Aula Magna della Corte di Cassazione

Il processo telematico (parte I)

Indirizzi di saluto:

Giovanni Mammone, Primo Presidente della Corte Suprema di cassazione

Riccardo Fuzio, Procuratore Generale presso la Corte Suprema di cassazione

Enzo Vincenti, Direttore del CED della Corte Suprema di cassazione

Introduce Camilla Di Iasi, Direttrice dell’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Corte Suprema di cassazione

Coordinano: Antonella Ciriello, Ileana Fedele e Giuseppe Corasaniti, componenti dell’Ufficio per l’Innovazione della Corte Suprema di cassazione e della Procura generale

Le fonti del diritto dell’informatica e del processo telematico.

Giuseppe Fichera, magistrato addetto all’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Suprema Corte di cassazione

Il documento digitale e la sua conservazione in Italia e in Europa

Roberto Arcella, avvocato del Foro di Napoli. Componente della Fondazione Italiana per l'Innovazione Forense

L’identità digitale e le firme elettroniche

Giovanni Rocchi, avvocato del Foro di Brescia. Componente della Fondazione Italiana per l'Innovazione Forense

 

Seconda sessione 20 marzo 2018

Ore 14.30 – Aula Giallombardo

Il processo telematico (parte II)

Coordinano: Antonella Ciriello, Ileana Fedele e Giuseppe Corasaniti, componenti dell’Ufficio per l’Innovazione della Corte Suprema di cassazione e della Procura generale

La Posta Elettronica Certificata e le sue applicazioni nel mondo della giustizia. comunicazone e notifica

Maurizio Reale, avvocato del Foro di Teramo. Componente della Fondazione Italiana per l'Innovazione Forense

Il deposito telematico

Rossella Masi, giudice del lavoro presso il Tribunale di Roma. Referente per l’informatica

La notificazione telematica e le relative questioni giurisprudenziali nel settore penale

Maria Cristina Amoroso, magistrato addetto all’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Corte Suprema di cassazione

Il processo civile telematico e i termini processuali

Leo Piccininni, ricercatore di Diritto processuale civile presso l'Università degli Studi Roma Tre

 

Terza sessione 26 marzo 2018

Ore 14.30 – Aula Giallombardo

Il processo telematico (parte III)

Coordina Gianluca Grasso, componente della Struttura di formazione decentrata della Corte di cassazione

Gli atti e documenti telematici e il processo di legittimità. Le attestazioni di conformità ai fini del processo di legittimità, le prime questioni in attesa dell’evoluzione tecnologica.

L’art. 369 c.p.c. e il deposito di copia autentica della decisione impugnata: certificazione di conformità del difensore, anche nel caso della notifica telematica del provvedimento impugnato.

Il deposito cartaceo degli atti processuali in forma di documento informatico e dei documenti informatici allegati.

Le comunicazioni di cancelleria telematiche nel civile e le notificazioni telematiche nel penale: questioni.

Ne discutono:

Antonella Ciriello, Ileana Fedele e Giuseppe Corasaniti, componenti dell’Ufficio per l’Innovazione della Corte Suprema di cassazione e della Procura generale

Giuseppe Ruffini, professore ordinario di Diritto processuale civile presso l'Università degli Studi Roma Tre


2018 - Corsi SSM P18007 e P18084 - Il processo civile telematico: le nuove funzionalità e le problematiche giuridiche

Da ormai quattro anni la Scuola superiore si è dedicata allo studio del processo civile telematico.

Inizialmente la formazione era rivolta all’addestramento pratico ed alla cosiddetta alfabetizzazione nell’uso di “consolle” e degli applicativi ministeriali. Dal 2017 si è deciso di adottare un “approccio di sistema”, che attrae nell’attività di formazione anche le questioni giuridiche, soprattutto in tema di notifiche e di documenti informatici, sollevate dalla applicazione del processo telematico. Questa impostazione sarà ripresa nel 2018, ma con maggiore apertura al confronto fra le esperienze dei diversi uffici sullo stato di attuazione del processo telematico, con l’obiettivo di censire i problemi emersi e di analizzare i possibili correttivi. Sarà inoltre prestata attenzione ai temi della qualità delle condizioni di lavoro e della creazione di una agenda virtuale per la gestione dei tempi processuali.

Al corso saranno ammessi anche i magistrati onorari, in quanto destinatari di nuove competenze a seguito della riforma introdotta dalla legge n. 57 del 2016, con riguardo a materie per le quali i giudici togati usufruiscono abitualmente della gestione dei fascicoli per il tramite del processo civile telematico. Anche per questa ragione, oltre che in base ai dati ricavati dal flusso delle domande presentate per il 2017, il corso sarà tenuto quest’anno in due edizioni.

Sede e data del corso:

Prima Edizione: Scandicci, Villa di Castelpulci, 5-7 febbraio 2018.

Seconda Edizione: Roma, sede da definire, 12-14 novembre 2018.

 

Programma della Prima Edizione:

Responsabile del corso: Luca Perilli

Esperto formatore: Antonella Ciriello

 

Lunedì 5 febbraio 2018

Prima sessione Gli strumenti del PCT

ore 15,00 Presentazione del progetto condiviso con il DGSIA “Il pct in pillole”.

1) Il pct lato avvocato

2) Il pct lato cancelliere

3) Il pct lato magistrato - primo grado, appello e cassazione

4) La consolle del magistrato

5) A chi è rivolto l’”applicativo” e come s’installa.

6) Le funzioni base di consolle

7) Le funzioni avanzate di consolle

8) I ruoli presenti in consolle

9) La gestione del processo e dell’agenda tramite consolle

10) I principali problemi: proposte di soluzione

a cura dell’esperto formatore Antonella Ciriello

ore 16,00 Normativa indispensabile sul PCT. Dove e come trovarla.

Alberto Mazza, formatore del Ministero della giustizia sull’uso degli “applicativi”

ore 16,30 Dibattito

ore 17,00 Un glossario per il processo telematico.

Ai partecipanti, connessi tramite i propri smartphone o PC portatili, sarà chiesto di compilare un questionario on-line, per testare la loro conoscenza del significato di termini tecnici del PCT.

Segue lezione pratica.

Giulio Borsari, ingegnere del Ministero della giustizia

Maurizio Sala, avvocato del Foro di Milano

ore 17,45 Dibattito

ore 18,00 Sospensione dei lavori

 

Martedì 6 febbraio 2018

Seconda e terza sessione: Le questioni del PCT

ore 9,00 L’obbligatorietà del CPT. Rassegna di questioni processuali. Le attestazioni di conformità dell’avvocato. Inquadramento generale e casistica giurisprudenziale

Roberto Arcella, avvocato del Foro di Napoli

Maurizio Reale, avvocato del Foro di Teramo

ore 10,20 dibattito

ore 11,00 pausa

ore 11,20 La PEC, disciplina generale e applicazioni specifiche (notifiche della parte privata, comunicazioni e notifiche di cancelleria, depositi telematici). Il domicilio digitale.

Rossella Masi, giudice del Tribunale di Roma

ore 12,00 dibattito

ore 13,00 sospensione dei lavori

ore 14,30 Il principio del raggiungimento dello scopo nella sua declinazione informatica. Esame della casistica giurisprudenziale e riflessione sulle fonti e sul difficile rapporto tra regole tecniche e norme primarie.

Ileana FEDELE, Corte di cassazione, ufficio del Massimario

ore 15,15 dibattito

ore 15,45 Le prassi cartacee trasferite nel processo telematico. I registri di cancelleria e la loro interazione con gli applicativi del giudice e dei “terzi”.

Lorenzo Vassallo, direttore amministrativo,Tribunale di Roma

Susanna Martini, funzionario di cancelleria,Tribunale di Firenze

ore 16,30 Dibattito

ore 17,00 Sospensione dei lavori

 

Mercoledì 7 febbraio 2018

Quarta sessione: il futuro dell’innovazione e del PCT

ore 9,00 I dati giudiziari e la funzione dell’informatica applicata alla giustizia. Il datawarehouse e i programmi di gestione. Le informazioni che consolle offre al giudice e quelle che devono essere ricavate e salvate periodicamente. Le informazioni necessarie al giudice per organizzare il proprio ruolo.

Maria Grazia Cassia, giudice del Tribunale di Milano e componente STO

ore 09,45 dibattito

ore 10,15 pausa

ore 10,30 Tavola rotonda

Il ruolo dell’informatica e del PCT nelle organizzazioni della giustizia civile.

Confronto tra i protagonisti delle scelte sullo stato di attuazione del processo telematico: i problemi emersi e i possibili progressi, per una migliore qualità del lavoro giudiziario.

Pasquale Liccardo, Direttore generale SIA,

Simone Rossi, consulente in materia di organizzazione giudiziaria,

Marilena Rizzo, Presidente del tribunale di Firenze,

Carla Secchieri, avvocato, componente del Consiglio Nazionale Forense,

ore 12,30 dibattito

ore 13,00 conclusione dei lavori.

 

Programma della Seconda Edizione (Roma, 12-14 novembre 2018): da definire


2017 - Corso SSM T17015 - L'efficienza del processo civile attraverso i nuovi strumenti a disposizione del giudice

Il corso si propone di approfondire trasversalmente vari istituti su cui, negli ultimi anni, il legislatore della riforma è intervenuto per rendere più efficiente il processo civile.

La parte introduttiva sarà così dedicata al tema delle misure organizzative, ed in particolare alle nuove tecnologie applicate al processo, e quindi all’apporto dato dalla Consolle ed ai conseguenti profili applicativi e processuali del PCT. Si discuterà anche delle risorse umane che possono affiancare quelle già esistenti presso gli uffici, ed in particolare del ruolo e della funzione degli stagisti.

La parte centrale del corso sarà invece incentrata sugli strumenti alternativi di definizione della lite - quali mediazione, negoziazione ed ADR in genere - e sul ruolo propulsivo del giudice nella definizione alternativa della lite, tramite mediazione delegata e tentativo di conciliazione, riflettendo sulle modalità con le quali lo stesso giudice può selezionare i conflitti che possono prestarsi ad una composizione bonaria ed illustrando l’esperienza della banca dati conciliativa.

Infine, la parte conclusiva del corso si misurerà con il delicato tema delle spese di lite: la compensazione delle spese, la condanna per lite temeraria ed il rifiuto ingiustificato della proposta conciliativa del giudice sono infatti istituti che, usati correttamente, diventano anch'essi occasioni per prevenire o sanzionare abusi dello strumento giurisdizionale.

Sede e data del corso: Matera, 24-26 maggio 2017.

 

Programma:

Responsabile del corso per la SSM: Gianluigi Morlini

Responsabile del corso per la formazione decentrata: Tiziana Caradonio

Mercoledì 24 maggio 2017

ore15.00 L’ufficio del processo: l’apporto degli stagisti e il valore formativo.

dott. Mariano Sciacca, giudice del Tribunale di Catania

ore 15.45 La Consolle ed il controllo sul calendario del processo, sul ruolo e sull’udienza.

dott.ssa Valeria Spagnoletti, giudice del Tribunale di Bari

ore 16.30 PCT: problemi applicativi e processuali.

dott. Pietro Lupi, giudice del Tribunale di Napoli

ore 17.15 Dibattito

ore 18.00 Sospensione dei lavori

 

Giovedì 25 maggio 2017

ore 9.15 La negoziazione assistita e la mediazione.

dott.ssa Luciana Breggia, Presidente di Sezione del Tribunale di Firenze

ore 10.15 La mediazione delegata e 185 bis c.p.c..

dott. Michele Ruvolo, giudice del Tribunale di Palermo

ore 11.00 Pausa

ore 11.15 Lo strumento arbitrale quale mezzo alternativo di risoluzione delle controversie.

prof. Giuseppe Miccolis, ordinario di procedura civile presso l’Università di Bari

ore 12.00 Dibattito

ore 13.00 Pausa pranzo

ore 14.30 Divisione dei partecipanti in gruppi di lavoro:

Le tecniche motivazionali delle proposte conciliative e l’apporto della Banca Dati Digitale Conciliativa.

dott. Michele Ruvolo, giudice del Tribunale di Palermo

Simulazione di verbali conciliativi e/o transattivi attraverso la consultazione della Banca Dati Digitale Conciliativa.

dott.ssa Mirella Delia, giudice del Tribunale di Bari

Simulazione di ordinanze di mediazione delegata attraverso la consultazione della Banca Dati Digitale Conciliativa.

avv. Marco Marinaro, Foro di Salerno e professore a contratto presso l’Università degli Studi di Napoli

ore 16.00 Resoconto dei gruppi di lavoro in seduta plenaria e dibattito

ore 17.00 Sospensione dei lavori

 

Venerdì 26 maggio 2017

ore 9.15 Sanzioni e rimedi agli abusi nel processo civile: la responsabilità aggravata ex art. 96, 1° e 3° comma, c.p.c.

dott. Massimo Vaccari, giudice del Tribunale di Verona

ore 10.00 La regolamentazione delle spese di lite alla luce del novellato art. 92 c.p.c..

dott. Giuseppe Marseglia, giudice del Tribunale di Bari

ore 10.45 Pausa

ore 11.00 Il rifiuto ingiustificato della proposta conciliativa formulata e dell’invito in mediazione demandata dal giudice e gli effetti sulle spese di lite.

dott. Massimo Moriconi, giudice del Tribunale di Roma

ore 12.00 Dibattito

ore 13.00 Fine lavori

 


  • Email