Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Commissioni permanenti Pct: la progettualità a servizio del cambiamento - Modello 3 (sintesi)



Se il nuovo spaventa


L’informatica entra negli uffici giudiziari e il processo diventa telematico ma molti ne denunciano i limiti: per alcuni rallenta il lavoro del magistrato, per altri è inadeguata, per molti è auspicabile un ritorno al passato. Un fatto è certo: un cambiamento così importante come il processo telematico non può avvenire senza contraccolpi e resistenze. E allora alcuni uffici si organizzano per mettere in piedi un progetto specifico di gestione del cambiamento.




Cambiamento e ricadute

Gli uffici si attivano non tanto per cercare risorse quanto per tenere sotto controllo e gestire le ricadute organizzative e processuali legate all’uso dei mezzi telematici. Creano, quindi, Commissioni permanenti per monitorare l’andamento, per affrontare i problemi emergenti ed, eventualmente, redigere protocolli. La nomina di solito è affidata a un decreto del presidente del tribunale, in accordo con l’ordine degli avvocati. Generalmente le Commissioni permanenti operano con riunioni periodiche per condividere segnalazioni, elaborare proposte (che possono dare origine a ordini di servizio interni), adottare decisioni.



Modello di lavoro

Le Commissioni permanenti Pct sono composte da magistrati, avvocati, cancellieri e tecnici.  Gruppi misti, quindi, che raccolgono la sfida posta dall’uso degli strumenti informatici nel processo. Spesso adottano un metodo di lavoro basato sulla collaborazione, sul confronto, sulla gestione condivisa dei problemi e delle soluzioni. Ne scaturisce un nuovo modello di governo del processo e del sistema giudiziario.



Un modello buono per tutti

Le esperienze finora censite riguardano sia uffici di grandi dimensioni sia uffici di dimensioni medio piccole. Le Commissioni permanenti sono certamente replicabili e sostenibili nel tempo se c’è la disponibilità del personale togato e amministrativo da coinvolgere.



Uffici coinvolti

Corte di Appello di Roma

Tribunale di Frosinone

Tribunale di Isernia

Tribunale di Pistoia

Tribunale di Rieti

Tribunale di Roma

Tribunale di Sondrio

Tribunale di Tivoli