indietro

Utilizzo dei GOT nella composizione dei collegi penali

circolari e risoluzioni - VIII commissione


08 novembre 2017
Utilizzo dei GOT nella composizione dei collegi penali

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta dell’8 novembre 2017,  in relazione al quesito del Presidente del Tribunale di …con cui si chiede di conoscere se “la supplenza disciplinata dall’art. 189 della circolare” sulla formazione delle Tabelle di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2017/2019 “possa ritenersi consentita anche per la trattazione dei procedimenti con rito direttissimo” ha adottato la seguente delibera con cui si è osservato che si deve ritenere che la supplenza dei giudici onorari nei collegi sia possibile anche per la celebrazione dei procedimenti con rito direttissimo, non ostando a tale interpretazione né la norma richiamata dal Dirigente, né l’art. 13 D.Lgs. 116/2017 che regolamenta la destinazione in supplenza dei giudici onorari di pace prevedendo che “Nei casi di assenza o impedimento  temporanei  del  magistrato professionale, il giudice onorario di pace può essere destinato, in presenza di specifiche esigenze di servizio, a compiti di  supplenza, anche nella  composizione  dei  collegi,  del  magistrato  assente  o impedito, sebbene non ricorrano le condizioni di cui all’articolo 11, comma 1.  L’individuazione del giudice  onorario da destinare in supplenza è effettuata con i criteri di cui all’articolo 10,  comma 5. In ogni  caso, il giudice onorario di pace non può essere destinato in supplenza per ragioni relative al complessivo carico  di lavoro ovvero alle vacanze nell’organico dei giudici professionali”. Si deve, infatti, ritenere che le preclusioni di cui alle norme citate abbiano unicamente attinenza alle materie trattate e non al rito.

 

  • Email