indietro

Possibilità di concorrere all'aggiudicazione di un bene immobile partecipando alla relativa asta giudiziaria pendente presso sede giudiziaria diversa da quella di servizio, ma coincidente con quella ove operi la propria convivente nonché magistrato ordinario con funzioni di sostituto.

circolari e risoluzioni - VI commissione e CPO


12 aprile 2017
Possibilità di concorrere all'aggiudicazione di un bene immobile partecipando alla relativa asta giudiziaria pendente presso sede giudiziaria diversa da quella di servizio, ma coincidente con quella ove operi la propria convivente nonché magistrato ordinario con funzioni di sostituto.

Con la presente risposta a quesito, il Consiglio ha precisato che, sebbene alla stregua del quadro normativo vigente, l’acquisto di un immobile all’asta costituisca un’attività non preclusa in termini assoluti al magistrato, tuttavia, alla luce di plurimi approdi giurisprudenziali, egli se ne deve astenere ogniqualvolta vi sia una possibile interferenza diretta o indiretta con le funzioni svolte. In particolare ciò avviene quando le procedure di aggiudicazione si svolgano presso uffici giudiziari siti nello stesso circondario dove il medesimo, suoi congiunti o persone a lui strettamente legate svolgono le loro funzioni giudiziarie.

 

  • Email