indietro

La responsabilità civile dei magistrati. Un primo bilancio sulla nuova legge

La responsabilità civile dei magistrati. Un primo bilancio sulla nuova legge

21 maggio 2018

Nei giorni 21, 22 e 23 maggio 2018, il Consiglio superiore e la Scuola Superiore della magistratura organizzano tre giornate di approfondimento sul tema della responsabilità civile, la cui disciplina è stata profondamente innovata dalla legge 27 febbraio 2015 n. 18, con particolare riferimento all’ampliamento delle fattispecie rilevanti, ai casi di travisamento del fatto e delle prove e all’eliminazione del filtro di inammissibilità dell’azione.

Pertanto, alla luce dei recentissimi arresti giurisprudenziali, appare utile analizzare le questioni risolte e quelle ancora aperte e la casistica nell’attività del pubblico ministero, nel giudizio di merito, nel giudizio di legittimità e nella giustizia amministrativa, al fine di fornire ai magistrati gli strumenti per esercitare al meglio, con competenza e professionalità, le proprie funzioni.

Saranno quindi esaminate anche le problematiche inerenti l’eliminazione del filtro di inammissibilità dell’azione risarcitoria, la tipizzazione di alcune figure, quali «la violazione manifesta della legge e del diritto dell’Unione Europea» ovvero «il travisamento del fatto o delle prove», la denegata giustizia e l’azione di rivalsa dello Stato, nella cornice dei principi delineati dalla Costituzione, dalle Carte sovranazionali e dalle pronunce della Corte Costituzionale.

Al corso interverranno il Vice presidente del CSM Giovanni Legnini, numerosi componenti del CSM, professori ordinari e magistrati ordinari, amministrativi e contabili.

Il programma completo è disponibile in allegato.

  • Email