indietro

La pirateria informatica

La pirateria informatica

13 settembre 2018

Il Consiglio, in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, ha ritenuto opportuno organizzare un corso di formazione sulla “pirateria informatica”, tema di assoluto rilievo poiché le condotte dirette all’illecita diffusione attraverso le moderne tecnologie di comunicazione ed all’indebito sfruttamento economico delle opere dell’ingegno in violazione dei diritti di proprietà intellettuale, che integrano la c.d. pirateria informatica, ledono interessi, libertà e diritti imprescindibili in ogni società tecnologicamente avanzata. Per un verso, difatti, l’illecita distribuzione di prodotti della creatività intellettuale vanifica la tutela dei property rights (diritto d’autore, diritti di proprietà industriale e diritti dei costruttori di banche dati). Per altro verso, contraffazione e pirateria provocano alle attività industriali di produzione di nuovi beni e servizi danni significativi in termini di mancati guadagni incassi e di mancati ritorni degli investimenti effettuati.

In tale contesto, emerge la necessità di utilizzare gli strumenti messi a disposizione dal diritto civile, amministrativo e penale. Pertanto, è apparso opportuno organizzare un incontro di studio su tali tematiche, così da favorire l’approfondimento e il confronto fra le diverse istituzioni coinvolte.

All’incontro interverranno il Vice presidente del CSM, Giovanni Legnini, il Presidente del Comitato direttivo della Scuola superiore della Magistratura, il Presidente dell’AGCOM, componenti del CSM, rappresentanti di altre istituzioni coinvolte nella protezione dei contenuti audio e video, magistrati ordinari, professori universitari e rappresentanti delle forze dell’ordine.

Il programma completo è disponibile in allegato.

  • Email