indietro

Risposta a quesito relativo alle regole procedurali relative ai trasferimenti a sedi disagiate e ai relativi punteggi aggiuntivi

circolari e risoluzioni - III commissione


19 ottobre 2016
Risposta a quesito relativo alle regole procedurali relative ai trasferimenti a sedi disagiate e ai relativi punteggi aggiuntivi

Con delibera del 19 ottobre 2016, il Consiglio ribadisce che la riassegnazione alla sede di provenienza non costituisce un tramutamento, poiché non determina il decorso di un nuovo termine per la legittimazione né è computabile ai fini del limite massimo di mutamenti di funzioni nell’arco della carriera. Inoltre, viene precisato che i punteggi maturati nelle sedi disagiate valgono solo per il primo trasferimento successivo. Infine, con riguardo ai criteri di accertamento del “positivo esercizio delle funzioni” che dà diritto al punteggio aggiuntivo per il tramutamento ai posti di secondo grado, essi sono costituiti dalle risultanze degli ordinari strumenti di valutazione previsti dall’ordinamento giudiziario vigente.

 

  • Email