indietro

Il Vice Presidente Legnini alla Scuola Superiore della Magistratura, formazione dei giovani magistrati migliore garanzia d'indipendenza e di autonomia 

News


20 febbraio 2017

Il Vice Presidente Legnini alla Scuola Superiore della Magistratura, formazione dei giovani magistrati migliore garanzia d'indipendenza e di autonomia 
tavolo dei lavori a Scandicci

La riduzione da 18 a 12 mesi del periodo di tirocinio dei neo magistrati è stato il tema al centro del convegno organizzato dalla Scuola Superiore della Magistratura, presso la Villa di Castelpulci di Scandicci, alla presenza del  Vice Presidente del CSM, Giovanni Legnini, e del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando. In base alle novità introdotte dalla legge 197 del 2016, il compito formativo della Scuola si è ridotto ad un mese.

In apertura del dibattito il Presidente della Scuola, Gaetano Silvestri, ha voluto sottolineare che “azzerare la presenza della formazione, centrale nell’iter formativo dei tirocinanti, non è la via migliore per risolvere la crisi della Giustizia”.

 “La formazione del magistrato - ha premesso il Vice Presidente Legnini nel suo intervento - costituisce da sempre la migliore garanzia per la sua autonomia e indipendenza”. Per questo è essenziale, sin dalla fase del tirocinio, “improntare subito il rapporto tra magistrato e  CSM nella prospettiva corretta ed utile: quella di un’interlocuzione costante lungo la strada della carriera nell’ordine giudiziario”.

“Un percorso lungo e non privo di incognite – ha aggiunto Legnini – durante il quale è indispensabile che il CSM sia considerato alla stregua di una risorsa per l’interlocuzione, l’ausilio e, perché no, anche il conforto e il consiglio nei momenti difficili della vita professionale di ciascuno”.  

La giornata si è conclusa con una tavola rotonda alla quale hanno preso parte il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando; il Presidente della Commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, e del Senato, Nico D’Ascola; il Presidente dell’ANM, Piercamillo Davigo, e il direttore del settore internazionale della Ecole Nationale de la Magistrature, Benoit Chamouard.

  • Email