indietro

Il nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: analisi costi benefici

Il nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: analisi costi benefici

18 aprile 2019

L’emanazione della nuova disciplina in materia di insolvenza e procedure concorsuali (d.lgs. 12.1.2019, n. 14) ha introdotto innovazioni profonde in un settore di particolare interesse per gli operatori del diritto e per la società civile, attese le concrete ricadute sul sistema produttivo.

La novella legislativa riforma profondamente la disciplina delle crisi e dell’insolvenza delle imprese e del gruppo di imprese, muove dalla considerazione dell’indifferibilità di una riforma organica dell’intera materia, scaturente dal continuo mutamento del dato normativo, verificatosi a partire dagli anni 2006-2007, che ha reso problematico il formarsi di indirizzi giurisprudenziali consolidati e stabili su non pochi istituti, ed ha accentuato l’incertezza del diritto, il moltiplicarsi delle controversie: di qui l’esigenza di un approccio riformatore non più episodico ed emergenziale, bensì sistematico ed organico.

È, pertanto, interesse del Consiglio effettuare una riflessione su tali temi mediante un seminario che focalizzi l’attenzione sulle novità legislative e sui rilevanti problemi applicativi che esse pongono, riflessione che coinvolga nella discussione gli autori della riforma e alcuni operatori, accademici e non, che ne hanno già studiato le principali implicazioni.

L’obiettivo perseguito è indubbiamente di grande respiro: promuovere un approfondimento su tali temi, porli al centro del dibattito e della formazione all’interno della magistratura, fornendo strumenti concreti che consentano di rendere più sistematiche e più strutturate le competenze in materia.

Al seminario, dopo i saluti iniziali del Vice Presidente, del Primo presidente e del Procuratore generale della Cassazione, e l’introduzione (affidata al cons. Alberto Maria Benedetti, direttore dell’Ufficio studi, e al cons. Michele Vietti, Presidente della fondazione Iniziativa Europa), interverranno docenti universitari, rappresentanti del mondo delle imprese, della magistratura e del Ministero della Giustizia.

Il programma completo è disponibile in allegato.

  • Email