indietro

Compatibilità tra la funzione di magistrato e la partecipazione a due società a responsabilità limitata le cui quote sono state ereditate in forza di successione legittima.

circolari e risoluzioni - I commissione


25 gennaio 2017
Compatibilità tra la funzione di magistrato e la partecipazione a due società a responsabilità limitata le cui quote sono state ereditate in forza di successione legittima.

Con la presente risposta a quesito del 25 gennaio 2017 il Csm ribadisce il proprio consolidato orientamento per cui non incorre nel divieto di cui all'art. 16 R.D. n. 12/1941, il magistrato socio di una società di capitali, sempre che, per essa, non svolga attività di amministrazione. Ne segue che egli non è sottoposto all'esercizio di poteri autorizzatori da parte del C.S.M. in ordine alla costituzione di società di capitali e all'assunzione nelle medesime della qualità di socio.

Resta in ogni caso per il magistrato socio di una società di capitali l’obbligo di procedere a una valutazione della compatibilità in concreto dell'attività esercitata e delle forme adottate con le condizioni di credibilità e prestigio e con l'immagine di correttezza e indipendenza richieste per l'espletamento della funzione giudiziaria e indissolubilmente connesse all'appartenenza stessa all'Ordine giudiziario.

  • Email