indietro

Tempi dei procedimenti di competenza del C.S.M., in conformità all’art. 97 Cost. e alla legge n. 241 del 1990

circolari e risoluzioni - II commissione


21 settembre 2005
Tempi dei procedimenti di competenza del C.S.M., in conformità all’art. 97 Cost. e alla legge n. 241 del 1990

Con la delibera del 21 settembre 2005, il Consiglio Superiore della Magistratura, preso atto dell’applicabilità ai procedimenti consiliari dei principi consacrati dalla L. 241/90 e ritenuta l’impossibilità di procedere alla fissazione di termini specifici di carattere generale per lo svolgimento di tali procedimenti, ha stabilito: che le singole commissioni prevedano, con propria delibera interna a carattere organizzativo, avente a oggetto singole fasi o intere tipologie di provvedimenti, il termine entro cui deve essere presentata al Plenum una proposta, che le stesse effettuino accertamenti finalizzati a individuare le cause del ritardo e ad adottare interventi di carattere organizzativo nell’ipotesi in cui sia superato detto termine in sede referente e che riferiscano al Plenum laddove le anzidette cause ostative non siano state rimosse.

  • Email