indietro

Circolare sulle Procure, concluso il ciclo di incontri con i pubblici ministeri

News


28 aprile 2017

Circolare sulle Procure, concluso il ciclo di incontri con i pubblici ministeri
locandina circolare procure

Si è concluso il ciclo di incontri promosso dalla VII Commissione del CSM, in vista della circolare sull’'ufficio del pubblico ministero che ridefinirà l’assetto organizzativo degli uffici requirenti. Dopo gli incontri del 16 e 24 marzo con i Procuratori Distrettuali e i Procuratori Generali presso le Corti di Appello, questa volta l’audizione ha riguardato Procuratori di uffici non distrettuali, Procuratori Aggiunti e i Sostituti Procuratori provenienti dall’'intero territorio nazionale.

L’obiettivo della VII Commissione, presieduta da Claudio Galoppi, è quello di realizzare una circolare sull'organizzazione delle Procure a circa dieci anni di distanza dalla riforma del 2006, tenendo conto, sulla base di un primo testo elaborato nei mesi precedenti dal gruppo di lavoro, del contributo, delle critiche e dei suggerimenti dei dirigenti e dei magistrati degli uffici requirenti.

Nel complesso la commissione ed il gruppo di lavoro che sta predisponendo la circolare - i Consiglieri Antonio Ardituro, Francesco Cananzi, Luca Forteleoni, Fabio Napoleone e Luca Palamara - hanno ascoltato 100 magistrati del pubblico ministero. I lavori sono stati seguiti costantemente dal Vice Presidente Giovanni Legnini, dal Primo Presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio, dal Procuratore Generale della Corte di Cassazione Pasquale Ciccolo, e dal Procuratore nazionale Antimafia ed Antiterrorismo Franco Roberti.

La circolare affronta fra l'altro i temi dei poteri del Procuratore della Repubblica, dello statuto del Procuratore aggiunto, dell'autonomia del sostituto, del progetto organizzativo, dell'assenso e delle revoche delle assegnazioni, del potere di vigilanza del Procuratore generale presso la Corte d'Appello.

Nel corso delle audizioni, anche su sollecitazione del Vice Presidente Legnini, si è discusso delle serie criticità del nuovo istituto dell'avocazione previsto dal disegno di legge sulla riforma del processo penale, già approvato da un ramo del Parlamento, e dell'obbligo di informazione alla scala gerarchica degli ufficiali di polizia giudiziaria, norma sulla quale il Consiglio intende proporre una modifica al Ministro su proposta della VI commissione, presieduta da Ercole Aprile (relatori Ardituro e Forteleoni); si è altresì discusso delle delicate questioni attinenti alla salvaguardia del segreto investigativo e al corretto rapporto delle procure con gli organi di informazione. Il presidente della VII Commissione Claudio Galoppi ha chiuso i lavori annunciando l'intenzione della commissione e del gruppo di lavoro di giungere ad una proposta da portare in plenum prima della pausa estiva.

 

  • Email