indietro

Brevi dal plenum

News


15 giugno 2017

Brevi dal plenum

Il plenum del 14 e del 15 giugno 2017 ha provveduto a coprire numerosi posti vacanti.

Uffici direttivi:

  • Procuratore Termini Imerese: nominato il dott. Ambrogio Cartosio, attualmente procuratore aggiunto Termini Imerese
  • Presidente tribunale minorenni Lecce: nominata la dott.ssa Lucia Rabboni, attualmente giudice minorenni Lecce
  • Procuratore generale Ancona: nominato il dott. Sergio Sottani, attualmente Procuratore Forlì.

Uffici semidirettivi:

  • Presidente sezione Corte appello Milano: nominata la dott.ssa Irene Formaggia, attualmente Presidente sezione Tribunale Bergamo
  • Presidente sezione Corte appello Milano: nominato il dott. Alberto Massimo Vigorelli, attualmente consigliere corte appello Milano
  • Presidente sezione Corte appello Milano: nominata la dott.ssa Giovanna Ada Lucia Ichino, attualmente presidente sezione tribunale Milano
  • Presidente sezione Corte appello Milano: nominato il dott. Oscar Magi, attualmente presidente sezione tribunale Milano
  • Presidente sezione Corte appello Milano: nominato il dott. Antonio Nova, attualmente consigliere corte appello Milano
  • Procuratore aggiunto Bari: nominato il dott. Francesco Giannella, attualmente sostituto procuratore Trani

Posti ordinari: sono stati coperti i posti vacanti presso la Corte di Cassazione. L’elenco completo dei nominativi è disponibile in allegato. Sono stati inoltre disposti i seguenti trasferimenti:

  • Sostituto procuratore generale Milano: Maria Pia Gualtieri, attualmente consigliere Corte appello Napoli
  • Sostituto procuratore Palermo: Vincenzo Amico (per effetto di riammissione nel ruolo della magistratura)

 

Su proposta della VI commissione, è stata approvata all'unanimità una proposta di modifica normativa rivolta al Ministro della Giustizia e avente ad oggetto la controversa norma di cui all’art. 18 comma 5 d.lgs. 177 del 2016. Tale disposizione disciplina la trasmissione – da parte delle forze di polizia - ai superiori gerarchici delle “notizie relative all’inoltro delle informative di reato all’autorità giudiziaria, indipendentemente dagli obblighi prescritti dalle norme del codice di procedura penale”.

In proposito, la delibera prende le mosse dalla constatazione dell’aporia sistematica che tale previsione rischia di creare rispetto ai principi costituzionali che sanciscono l’obbligatorietà dell’azione penale e stabiliscono che l’autorità giudiziaria dispone direttamente della polizia giudiziaria: la previsione potrebbe collidere quindi con le disposizioni in tema di esercizio dell'azione penale e di segreto investigativo.

Nello specifico, come si legge nella motivazione, la comunicazione in via gerarchica delle informazioni, senza alcun filtro o controllo del p.m. procedente, fra l’altro anche a soggetti che non rivestono la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria (e che, per la loro posizione apicale, hanno uno stretto rapporto di dipendenza organica dalle articolazioni del potere esecutivo), non appare in armonia con le prerogative del p.m. nell’esercizio delle attività di indagine. Difatti, le informazioni vengono a conoscenza di soggetti esterni al perimetro dell’indagine stessa, con il rischio di possibili interferenze nell’esercizio dell’azione penale.

Nella delibera vengono anche presi in considerazione i percorsi interpretativi praticabili per superare tali disarmonie (quali la trasmissione delle informative ai superiori gerarchici solo dopo quella al p.m. o la possibilità di concordare con il p.m. tempi e contenuti dell’informativa da trasmettere), rispetto ai quali il Consiglio rileva che vi potrebbero comunque essere, nei diversi uffici giudiziari, interpretazioni non uniformi. Per tale ragione, si ravvisa l’opportunità di una modifica normativa che sostituisca la locuzione “indipendentemente dagli obblighi prescritti dalle norme del codice di procedura penale”, con “salvi (o compatibilmente con) gli obblighi prescritti dalle norme del codice di procedura penale”, così introducendo una formulazione sistematicamente coerente con le disposizioni costituzionali sul pubblico ministero, con particolare riferimento al rapporto di dipendenza funzionale con esso della polizia giudiziaria ed il regime di autonomia e segretezza delle indagini preliminari. Il testo è disponibile nella sezione del sito in cui sono raccolte pareri e proposte del Consiglio.

 

Su iniziativa della Sesta e dell’Ottava commissione, il Consiglio ha approvato il parere sullo schema di decreto legislativo di riforma della magistratura onoraria. La delibera ha preso in esame i diversi punti oggetto dell’intervento del legislatore, valutandone aspetti positivi e criticità e proponendo, infine, talune modifiche all’articolato, utili a migliorare le disposizioni che saranno introdotte. Il testo è disponibile nella sezione del sito in cui sono raccolti i pareri del Consiglio.

 

Infine, su proposta della IX Commissione, il Consiglio, partendo dai principi costituzionali fondamentali secondo cui i giudici sono soggetti soltanto alla legge (art. 101) e la magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere (art. 104), nella sua veste di garante dell’attuazione di questi princìpi, ha ribadito le preoccupazioni relative alla grave situazione della magistratura in Turchia e ha espresso piena condivisione delle conclusioni cui è giunta – nell’assemblea di Parigi del 7-9 giugno - l’ENCJ. In particolare, quest’ultimo organo ha sospeso la Turchia dallo status di osservatore ed ha approvato un documento nel quale invita tutti gli Stati membri a riaffermare in ogni possibile sede l’esigenza del rispetto della rule of law, in particolare in Turchia e in Polonia, ma più in generale in ogni Paese.

 

I testi di tutte le proposte approvate dal plenum (fatti salvi eventuali emendamenti) sono consultabili nella sezione del sito relativa agli ordini del giorno di plenum. Inoltre, nella sezione concorsi e interpelli saranno disponibili nei prossimi giorni due interpelli per le SSPL e vari bandi per la copertura di posti di commissario o commissario aggiunto agli usi civici.

  • Email