indietro

Brevi dal plenum

News


13 novembre 2019

Brevi dal plenum

Il plenum, nelle sedute del 12 e 13 novembre 2019, ha adottato le seguenti delibere:

 

Uffici semidirettivi:

  • Presidente sezione tribunale Terni: nominata la dott.ssa Monica Velletti, attualmente giudice tribunale Roma

Collocamenti fuori ruolo:

  • Raffaella Calò: deliberata la conferma del collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Capo dipartimento organizzazione giudiziaria

 

Trasferimenti ordinari:

Sono stati coperti i tre posti vacanti presso la DNAA;

  • Roberto Maria Sparagna, attualmente sostituto procuratore Torino
  • Giuseppe Gatti, attualmente sostituto procuratore Bari
  • Domenico Gozzo, sostituto procuratore generale Palermo

Trasferimenti extraordinem:

  • Alessio Marangelli, attualmente magistrato distrettuale requirente Bari: deliberato il trasferimento quale sostituto procuratore Foggia (posto precedentemente occupato), ai sensi della l. 133/98
  • Giampiero Nascimbeni, attualmente magistrato distrettuale requirente Lecce: deliberato il trasferimento quale sostituto procuratore Bologna (posto precedentemente occupato), ai sensi della l. 133/98
  • Maria Cristina Gargiulo, attualmente magistrato distrettuale requirente Potenza: deliberato il trasferimento quale sostituto procuratore generale Napoli (posto precedentemente occupato), ai sensi della l. 133/98
  • Massimiliano Rossi, attualmente magistrato distrettuale requirente Catania: deliberato il trasferimento quale sostituto procuratore Bologna (posto precedentemente occupato), ai sensi della l. 133/98
  • Francesco Verderese, attualmente sostituto procuratore minorenni Trieste: deliberato il trasferimento quale sostituto procuratore Paola (posto precedentemente occupato), ai sensi della l. 133/98
 

Su proposta della IV commissione, è stata approvata la circolare in materia di anagrafe patrimoniale dei magistrati, che sostituisce integralmente quella del 25 marzo 1998, al fine di rispondere alle esigenze di trasparenza in ordine alla situazione patrimoniale dei magistrati, anche in funzione delle sollecitazioni in tal senso provenienti dal GRECO (gruppo di stati contro la corruzione) in ordine alla necessità di strumenti idonei a monitorare l’adempimento degli obblighi da parte dei magistrati.

A tal fine la circolare in primo luogo disciplina l’obbligo di depositare una dichiarazione relativa alla situazione patrimoniale e alle sue successive variazioni; in alternativa, si prevede la possibilità di prestare il consenso all’acquisizione diretta, tramite l’Agenzia delle Entrate.

Successivamente, disciplina le modalità e i termini di trasmissione di tali documenti, essendo prevista una trasmissione iniziale, un aggiornamento periodico e la dichiarazione da trasmettere all’atto della cessazione dal servizio. Il monitoraggio sull’adempimento di tali obblighi viene affidato alla Quarta commissione.

Infine, viene previsto un potere di c.d. diffida, la cui titolarità spetta al CSM, con la precisazione che all’inadempimento non fanno seguito sanzioni disciplinare, non essendo esse tipizzate.

Per quanto concerne la pubblicità delle dichiarazioni, la circolare esclude ogni forma di pubblicità incompatibile con la peculiarità delle funzioni giudiziarie. L’accesso ai dati è quindi consentito solo al CSM.

 

I testi di tutte le proposte approvate dal plenum (fatti salvi eventuali emendamenti) sono consultabili nella sezione del sito relativa agli ordini del giorno di plenum.
  • Email