indietro

Brevi dal plenum

News


27 giugno 2018

Brevi dal plenum
immagine news

Alla seduta, presieduta dal Presidente della Repubblica, è intervenuto il Ministro della Giustizia, per l’esame dello stato dei rapporti di collaborazione fra CSM e Ministro della giustizia.

Nel corso degli interventi, è stato fatto un bilancio delle attività del Consiglio nel corso del quadriennio, con particolare riferimento alle tematiche inerenti l’organizzazione degli uffici, che più direttamente coinvolgono le prerogative costituzionali del CSM e del Ministro della Giustizia. L’esame dei problemi affrontati e la sottolineatura della  necessaria sinergia fra i due organi hanno nel corso del dibattito consentito di porre le basi per la collaborazione del Consiglio  con il nuovo Ministro.  

In allegato, gli interventi del Presidente della Repubblica, del Vice Presidente Legnini e del Ministro della Giustizia.

 

In seduta ordinaria il plenum ha poi provveduto in materia di collocamenti fuori ruolo:

  • dott. Fulvio Baldi, attualmente sostituto procuratore generale cassazione: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Capo gabinetto
  • dott. Leonardo Pucci, attualmente giudice tribunale Arezzo: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Vice capo gabinetto
  • dott. Gianluca Massaro, attualmente fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Gabinetto del Ministro: deliberata la conferma del collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Vice capo gabinetto
  • dott. Francesco Basentini, attualmente procuratore aggiunto Potenza: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, capo dipartimento amministrazione penitenziaria
  • dott. Andrea Nocera, attualmente magistrato addetto all’ufficio del massimario, corte di cassazione: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, capo ispettorato generale
  • dott. Mauro Vitiello, attualmente sostituto procuratore generale cassazione: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, capo ufficio legislativo
  • dott. Marco Nassi, attualmente sostituto procuratore Grosseto: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Vice capo dipartimento affari di giustizia
  • dott. Giuseppe Corasaniti, attualmente sostituto procuratore generale cassazione: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, capo dipartimento affari di giustizia
  • dott. Liborio Fazzi, attualmente giudice tribunale Palmi: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Vice capo ispettorato

 

Su proposta della Sesta commissione, è stata approvata una delibera con la quale, in risposta ad un quesito, si afferma che i magistrati applicati in via continuativa ed esclusiva presso un ufficio giudiziario possono esercitare il diritto di voto nelle elezioni per il rinnovo del CSM dell’8 e 9 luglio 2018 presso l’ufficio in cui esercitano le funzioni in applicazione. A supporto dell’interpretazione adottata vi è il disposto del d.p.r. n. 89/1976, in forza del quale il criterio per determinare il luogo in cui i magistrati votano è quello dell’ufficio presso il quale essi siano effettivamente in servizio. Pertanto, in presenza di applicazioni “esclusive”, in cui cioè si rescinde – sia pur temporaneamente - ogni rapporto con l’ufficio di provenienza si integra il presupposto dell’effettività del servizio cui fa riferimento la norma.

A tal fine, la delibera rileva come sia opportuno che – al fine di evitare rischi di “duplicazioni” del voto – nelle liste elettorali dell’ufficio di provenienza del magistrato applicato si dia atto di applicazioni in via esclusiva ad altri uffici-

  • Email