indietro

23 maggio 1992

News


23 maggio 2018

23 maggio 1992
immagine news

Alle 17.56 del 23 maggio 1992 a Capaci, in provincia di Palermo, perdevano la vita per mano della mafia, Giovanni Falcone, la moglie, Francesca Morvillo, ed i tre uomini, addetti alla tutela del magistrato, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Nel giorno dell’anniversario di quel tragico evento il Consiglio Superiore della Magistratura (nel solco dell’attività di recupero e divulgazione degli atti contenuti nei fascicoli personali dei magistrati caduti nell’adempimento del dovere) vuole continuare a commemorare chi ha offerto tutto se stesso a protezione delle libertà e dei diritti dei cittadini, attraverso la diffusione degli atti relativi alla vita professionale di Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, nonchè degli altri atti contenuti negli archivi del Consiglio.

Riteniamo di fondamentale importanza per “nutrire” la memoria e “non dimenticare” ripercorrere la storia di quei momenti e celebrare questi servitori dello Stato anche tramite il recupero e la pubblicazione del lavoro giurisdizionale svolto (viene resa disponibile la monumentale ordinanza-sentenza nei confronti di Abbate Giovanni + 706 che diede vita al cd. maxiprocesso, anch’esso integralmente pubblicato), e degli atti processuali relativi alla strage di Capaci, nonché attraverso il volume (qui disponibile, nella sua interezza, anche in formato elettronico) curato dal Consiglio in occasione del venticinquesimo anniversario della strage.

Alimentare la memoria collettiva significa infatti accrescere nelle coscienze il frutto del lavoro, della passione civica e della lotta per la legalità cui magistrati come Giovanni Falcone e Francesca Morvillo hanno sacrificato il bene preziosissimo della loro esistenza

  • Email