Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Pareri e Documenti del CCPE

Parere n. 8 (2013) su "Rapporti tra il Pubblico Ministero e i mezzi di informazione"

Parere n. 8 del 2013 sui Rapporti tra il Pubblico Ministero e i mezzi di informazione adottato dal CCPE in occasione della sua ottava Riunione plenaria tenutasi a Yerevan l'8 e il 9 ottobre 2013.

Parere n. 8 - Tema principale dell’incontro era l’elaborazione – su richiesta del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa – di un parere del CCPE sui rapporti tra il pubblico ministero ed i mezzi d’informazione.

Il testo approfondisce le relazioni tra i procuratori e i media in rapporto a tre categorie di principi basilari: 1) quelli tesi ad un appropriato bilanciamento tra l’esigenza di assicurare un’amministrazione della giustizia indipendente, imparziale e trasparente e l’esigenza di garantire altri diritti fondamentali, tutelando ad un tempo la libertà di stampa e di espressione, lo svolgimento delle indagini, i diritti dei terzi, la vita privata; 2) la protezione dei diritti individuali, specialmente degli imputati e delle vittime dei reati; 3) i principi concernenti la procedura, quali quelli del giusto processo e di “parità delle armi”.

In tale quadro, il parere ha riguardo espressamente alla libertà di stampa e di manifestazione del pensiero, alla libertà di ricevere e di fornire informazioni, alla presunzione d’innocenza e ai diritti della difesa, alla tutela della vita privata e della dignità.

Di particolare interesse sono le raccomandazioni conclusive, tra le quali quelle in tema di linee-guida e di “politica” della comunicazione da parte dei servizi di procura, di “non personalizzazione” delle informazioni sulle attività svolte e sui casi trattati, di impiego di nuove tecnologie di comunicazione.

Il testo approvato (che si allega in originale, intitolato “Opinion No. 8 (2013): Relations between Prosecutors and the Media”) è stato trasmesso al Comitato dei Ministri. Sarà quindi inoltrato a diversi altri organismi del Consiglio d’Europa, affinché possano tenerne conto nelle loro rispettive attività