Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Pareri e Documenti del CCPE

Parere 9 (2014) - Testo di riferimento sulle norme e i principi riguardanti il Pubblico Ministero

Parere n. 9 (2014) del CCPE all'attenzione del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa su norme e i principi riguardanti il Pubblico Ministero - Carta di Roma - Roma, 16 e 17 dicembre 2014 adottato in occasione della Nona Riunione Plenaria

Questo Parere contiene una Carta, denominata “Carta di Roma” e una Nota esplicativa dettagliata dei principi contenuti nella Carta.

 


E’ stato approvato all’unanimità un documento composto dall’enunciazione di 20 principi generali e di una nota esplicativa. I principi ineriscono ai vari aspetti concernenti lo status e l’espletamento delle funzioni del pubblico ministero nel rigoroso rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali come sanciti dalla CEDU. È trattata, dunque, la funzione del PM in rapporto ai principi dello stato di diritto, all’indipendenza e all’autonomia, alla trasparenza nell’azione, alla deontologia, all’atteggiamento in sede processuale, alla struttura organizzativa degli uffici di procura e alla carriera.

Al documento che enuncia i predetti principi generali, l’assemblea plenaria del Consiglio consultivo dei Procuratori d’Europa ha deliberato di dare il nome di “Carta di Roma”, in onore dell’approvazione avvenuta nella sede del CSM italiano, alla presenza del suo Vice Presidente.

Con detto appellativo (Rome Charter e Charte de Rome, rispettivamente, in inglese e francese, lingue ufficiali del Consiglio d’Europa) il documento è pubblicato nel sito del Consiglio d’Europa. Esso è stato trasmesso al Comitato dei Ministri; sarà quindi inoltrato a diversi altri organismi del Consiglio d’Europa, affinché possano tenerne conto nelle loro rispettive attività.