Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Delibere del CSM di interesse internazionale

Piano quadriennale della attività internazionale del Consiglio

Il Consiglio superiore della magistratura italiano ha svolto negli ultimi anni un ruolo di primo piano nell’attività di assistenza giudiziaria, ottenendo eccellenti risultati. La ricca esperienza pregressa, ha dimostrato, peraltro, che le  forme di cooperazione internazionale istituzionale  costituiscono non soltanto una valida modalità di integrazione giudiziaria europea, ma consentono un miglior funzionamento della giurisdizione interna, anche favorendo il contrasto alla criminalità organizzata sin dai luoghi ove essa sorge o transita. Le esperienze che i magistrati italiani maturano nelle sedi europee, inoltre, consentono loro di fornire un contributo rilevante e concorrono a determinare linee guida e prassi che hanno ricadute dirette sull’ordinamento interno.

Per queste ragioni la deliberazione in esame  pone le basi per  rendere più sistematica la partecipazione alle  attività internazionali, sia attraverso il coordinamento con le istituzioni coinvolte, sia provvedendo ad una riorganizzazione degli uffici interni all’Alto Consiglio.

 Sotto il primo profilo la deliberazione istituisce un raccordo permanente fra tre Istituzioni  italiane interessate al settore (Alto Consiglio, Ministero della giustizia e Ministero degli Affari esteri), affinché vengano valorizzate le potenzialità che una simile cooperazione può esprimere, con la istituzione di un tavolo tecnico di coordinamento permanente. E’ previsto, in aggiunta il coordinamento con la Scuola superiore della Magistratura, nell’ambito di altro tavolo tecnico avente ad oggetto i temi della formazione giudiziaria, al fine di favorire lo scambio di esperienze, la collaborazione in relazione ad eventuali iniziative di formazione a carattere internazionale.

Sotto il secondo profilo, la delibera istituisce una struttura specificamente dedicata alle relazioni e ai progetti internazionali, in grado di seguire con continuità e di coordinare le attività, fornendo un adeguato supporto tecnico, di conoscenza e di proposta, agli organismi decisionali del Consiglio. Tale  struttura è in grado di assicurare la conoscenza tempestiva, continua e sistematica di tutti gli eventi di interesse consiliare e di programmare obbiettivi ed  iniziative, monitorandole costantemente.

E’ previsto che i componenti di tale struttura vantino una “specifica formazione”, una  specifica competenza linguistica, contabile ed amministrativa, e siano adibiti in via esclusiva a tale  settore.

Sempre sotto il profilo organizzativo, al fine di consentire che le esperienze maturate nel settore internazionale non vengano disperse e possano essere agevolmente accessibili ai magistrati italiani, ed  al fine di pubblicizzare adeguatamente, sempre a livello internazionale, le attività e le peculiari competenze consiliari, è previsto che l’Alto Consiglio crei un “ international corner” in lingua inglese nell’ambito del proprio website, che sarà gestito direttamente dal personale deputato alla attività internazionale, il quale  aggiornerà in tempo reale le informazioni più interessanti per gli utenti internazionali.