Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Circolare in materia di magistrati referenti distrettuali e magistrati di riferimento per l’innovazione (RID e MAGRIF). Risposte a quesito

circolari e risoluzioni - VII commissione


13 maggio 2020
Circolare in materia di magistrati referenti distrettuali e magistrati di riferimento per l’innovazione (RID e MAGRIF). Risposte a quesito

1 - Circolare 6 novembre 2019

*****

2 - Risposte a quesito
  • 13 maggio 2020

NB: i testi dei provvedimenti sono disponibili in allegato in calce.

 

CIRCOLARE

La circolare sui magistrati referenti distrettuali per l’innovazione (RID) e magistrati di riferimento per l’innovazione (MAGRIF) approvata in data 6 novembre 2019 sostituisce integralmente quella del 2016.

Vengono così disciplinati modalità di nomina e conferma dei RID e dei MAGRIF, ivi comprese le incompatibilità. È poi prevista la costituzione dell’Ufficio Distrettuale per l’Innovazione (denominato UDI), costituito dai RID giudicanti e requirenti.

Specifiche disposizioni sono dedicate al ruolo e ai compiti dei RID e dei MAGRIF, con particolare riferimento all’implementazione del livello di informatizzazione, all’attuazione dei progetti ministeriali nel settore, alla diffusione delle buone prassi, alla formazione, alla collaborazione con i dirigenti degli uffici, le Commissioni flussi e il Consiglio.

Viene poi puntualizzata l’entità dell’esonero dei RID e dei MAGRIF, in funzione delle dimensioni del distretto e dell’ufficio di appartenenza.

***

RISPOSTE A QUESITO

Nella risposta a quesito del 13 maggio 2020 si afferma che chi ha svolto l’incarico di MAGRIF può concorrere anche nell’interpello per il rinnovo dell’incarico. Inoltre, gli saranno necessariamente preferiti altri aspiranti solo se l’interessato abbia svolto tale incarico nel biennio precedente l’interpello. Nello specifico, la delibera richiama l’art. 2 commi 5 e 6, che espressamente prevede che l’incarico di MAGRIF può essere rinnovato dopo il primo triennio previa dichiarazione di disponibilità dell’interessato. In ogni caso, nel momento in cui viene disposto l’interpello, il magistrato che abbia svolto funzioni di MAGRIF nel biennio precedente l’interpello stesso può essere nominato solo se non vi sono altri aspiranti. Ciò al fine di garantire il ricambio nello svolgimento dell’incarico. Decorso il biennio, la preclusione viene meno e il magistrato può partecipare e andare in comparazione con altri aspiranti, non sussistendo nemmeno il divieto di rinnovo successivo al primo rinnovo, valendo tale limite solo per nomine consecutive nel tempo. In tali casi, la comparazione dovrà tenere conto del pregresso svolgimento dell’incarico, senza per questo avere valore dirimente nella comparazione, in presenza di diversi titoli e competenze.


immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale