Massimo Forciniti

Nato a Cosenza il 11.05.1967

 

Curriculum:

Entrato in magistratura nel 1997, dopo il tirocinio svolto negli uffici giudiziari di Roma, ha esercitato le funzioni di giudice presso il Tribunale di Catanzaro. Presso il tribunale del capoluogo del distretto di Catanzaro, ha svolto funzioni penali, dapprima quale giudice del Tribunale distrettuale del Riesame, poi quale Giudice delle Indagini e della Udienza Preliminare distrettuale, quindi quale giudice del dibattimento. Completa l’esperienza nel settore penale, principalmente presso l’ufficio Gip\Gup distrettuale, dove è stato per circa un quinquennio ed ha trattato numerosi processi complessi di criminalità organizzata relativi alle consorterie di ‘ndrangheta delle province di Catanzaro Cosenza, Crotone e Vibo Valentia. Nel suddetto periodo ha composto, a seguito di elezione, il locale Consiglio Giudiziario.

Nella seconda parte del 2005 è stato nominato magistrato segretario press il CSM, dove è rimasto per circa un quadriennio ed ha maturato esperienze presso la commissione settima, organizzazione e tabelle, la commissione terza, mobilità, e la sezione disciplinare (si è occupato della massimazione del primo biennio delle sentenze disciplinari, all’esito delle riforme ordinamentali).

Nel 2009 è stato nominato presidente della sezione penale del Tribunale di Crotone, dove è rimasto in servizio sino all’elezione al CSM. Al Tribunale di Crotone, Tribunale di frontiera, con organico composto principalmente da magistrati di prima nomina e continuo turn over di giudici, ha contribuito a smaltire una notevole pendenza con numerosi complessi processi di criminalità organizzata relativi alle cosche di ‘ndrangheta del crotonese.

 

Attività al Consiglio:

Presso l’organo di autogoverno ha composto nella prima annualità la terza commissione, mobilità, di cui è stato presidente e la settima commissione, organizzazione e tabelle. In terza commissione sono stati espletati numerose procedure concorsuali, e della giurisdizione di merito e di legittimità, relative ai posti di sostituto procuratore nazionale antimafia e di magistrato addetto al massimario della Cassazione. Sono, altresì, stati assegnati i posti ai magistrati del dm 2012. Si è registrato un abbattimento dei tempi delle procedure concorsuali e si è intervenuti anche sulle circolari attuative delle leggi in materia di mobilità (di rilievo le modifiche sulla disciplina dei fuori ruolo e in materia di accesso alle funzioni di legittimità). Presso la settima commissione numerosissime sono state le pratiche trattate con ampio spazio dato alle modifiche di circolare (di rilievo le circolari in materia di predisposizione della sezione feriale, all’esito della modifica del regime delle ferie dei magistrati, in materia di disciplina dei piani di gestione e dell’attività e regime giuridico dei rid e dei magrif).

Nella seconda annualità ha composto le commissioni quinta, incarichi direttivi, e ottava, magistratura onoraria, commissioni di cui è componente anche nella terza annualità. Nella commissione incarichi direttivi notevole è stato l’impegno per far fronte alle numerose vacanze dovute all’abbassamento dell’età pensionabile, che ha prodotto oltre 550 nomine in applicazione del nuovo T U sulla dirigenza, approvato nel luglio 2015. Corposo il lavoro dell’ottava commissione, che ha visto anche un celere contributo alla lettura critica e prima applicazione delle riforme in materia di magistratura onoraria. 

 

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale