Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Rilevanza ai sensi dell’art. 18 O.G. della situazione di convivenza tra un magistrato e un avvocato esercente abitualmente la professione nello stesso ufficio giudiziario del primo.

circolari e risoluzioni - I commissione


25 giugno 2008
Rilevanza ai sensi dell’art. 18 O.G. della situazione di convivenza tra un magistrato e un avvocato esercente abitualmente la professione nello stesso ufficio giudiziario del primo.

Con la risposta a quesito del 25 giugno 2008, il Consiglio Superiore della Magistratura, investito della richiesta di chiarimento in ordine al significato da attribuirsi all’espressione “situazione di convivenza”, utilizzata nella circolare P 12940 del 25 maggio 2007, delibera del 23 maggio 2007 (relativa al “Regime delle incompatibilità ex artt. 18 e 19 O.G., nonché situazioni analoghe rilevanti ex art. 2 L.G.”), stabilisce che la situazione di convivenza tra un magistrato e un avvocato rilevante ai fini dell’incompatibilità ex art. 18 O.G. è solo quella che si sostanzia in un rapporto di stabile coabitazione, determinato da relazioni sentimentali, così come peraltro già precisato dall’art. 5 della previgente circolare P 23531 del 10 dicembre 2003, modificata con la citata delibera del 23 maggio 2007.

Aggiunge altresì che non è richiesto, a tal fine, né il requisito formale della comune residenza anagrafica, né, tantomeno, l’assimilabilità del rapporto a quello matrimoniale e precisa, nel contempo, che è proprio la natura sentimentale della relazione che fa assumere rilievo alla situazione ai fini dell’incompatibilità, con conseguente esclusione della stessa nelle ipotesi di mera coabitazione determinata da interessi logistici o da esigenze di ripartizione delle spese.

Aggiunge, da ultimo, che i legami sentimentali che non assurgono al rango di convivenza e le cd. convivenze anagrafiche (ossia le forme di coabitazione determinate da motivi religiosi, di cura o di assistenza) possono comunque rilevare ai sensi dell’art. 2 Legge Guarentigie, quando risulti impedito al magistrato di svolgere le proprie funzioni con piena indipendenza e imparzialità.

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale