Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Proposta al Ministro della giustizia, ai sensi dell'art. 10 L. 195 del 1958, per una modifica dell’Ordinamento forense (legge 31 dicembre 2012, n. 247), che renda l’iscrizione all’albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori incompatibile con la contemporanea iscrizione agli albi circondariali, necessaria per l’esercizio della difesa dinanzi agli altri organi giurisdizionali della Repubblica e dell’art. 613 c.p.p., che escluda la legittimazione dell’imputato a proporre personalmente il ricorso per cassazione.

pareri e proposte


emanato il 07 maggio 2014
Proposta al Ministro della giustizia, ai sensi dell'art. 10 L. 195 del 1958, per una modifica dell’Ordinamento forense (legge 31 dicembre 2012, n. 247), che renda l’iscrizione all’albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori incompatibile con la contemporanea iscrizione agli albi circondariali, necessaria per l’esercizio della difesa dinanzi agli altri organi giurisdizionali della Repubblica e dell’art. 613 c.p.p., che escluda la legittimazione dell’imputato a proporre personalmente il ricorso per cassazione.

Con delibera del 7 maggio 2014 il C.S.M. si rivolge al Ministro della Giustizia per proporgli di farsi promotore di una iniziativa di riforma intesa a porre rimedio alla situazione di grave difficoltà operativa in cui versa la Corte di cassazione, presso la quale pendono circa 130.000 ricorsi arretrati (centomila ricorsi civili e trentamila penali).

Preso atto della parziale efficacia degli strumenti sino a quel momento messi in campo per agevolare, anche sul piano nomofilattico, l’azione della corte di legittimità, il C.S.M. sollecita:

  • una modifica dell’art. 613 c.p.p., che escluda la legittimazione dell’imputato a ricorrere personalmente per cassazione, senza l’assistenza di un difensore iscritto nell’albo speciale degli avvocati abilitati;
  • una modifica dell’art. 111 comma 7 della Costituzione nel senso di garantire un doppio grado di giudizio nel merito, riservando al legislatore ordinario di stabilire in quali casi le sentenze siano ricorribili in Cassazione per violazione di legge.

allegati

file Delibera del 7 maggio 2014 Delibera del 7 maggio 2014 (39,6 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale