Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Proposta ai sensi dell'art. 10, secondo comma, Legge 24 marzo 1958 n. 195 concernente il tirocinio dei magistrati.

pareri e proposte


emanato il 02 luglio 2014
Proposta ai sensi dell'art. 10, secondo comma, Legge 24 marzo 1958 n. 195 concernente il tirocinio dei magistrati.

Con delibera del 2 luglio 2014 il C.S.M. ha formulato una proposta di modifica legislativa riguardante il tirocinio iniziale dei magistrati.

Al riguardo, ha rilevato che il sistema voluto dal legislatore sembra presentare alcuni limiti, dei quali si ritiene opportuna la correzione.

In specie, la previsione di un periodo di tirocinio di 6 mesi da effettuarsi presso la Scuola, concentrati nella fase del tirocinio generico, su un totale di 18 mesi di periodo complessivo previsto dalla legge, comprime eccessivamente l’apprendistato presso gli Uffici giudiziari.

Le caratteristiche del concorso in magistratura inducono infatti gli aspiranti a consacrare un tempo significativo alla loro preparazione teorica, che segue gli Studi universitari e la specializzazione post-laurea. Il tirocinio presso gli Uffici giudiziari è, in tale quadro, da privilegiarsi poiché consente di apprendere il mestiere del magistrato e mettere in pratica l’ampio bagaglio teorico conseguito nel corso di lunghi anni di studi.

Comprimere di un terzo questo momento centrale, differendo il contatto con la realtà giudiziaria a favore di una formazione effettuata nelle aule della scuola e nei luoghi di stage, rende squilibrato il dosaggio del tirocinio, limitando significativamente e negativamente la possibilità del neo magistrato di apprendere sul campo il “mestiere” al quale è destinato.

In tale quadro, ha suggerito di riportare a 18 mesi la sessione presso gli Uffici giudiziari, mantenendo di 6 mesi quella presso la Scuola, al fine di consentire un equilibrato sviluppo e affinamento degli strumenti indispensabili per l'avvio della professione del magistrato.

L’allungamento complessivo del periodo di tirocinio, ha aggiunto, potrebbe essere adeguatamente compensato con la riduzione del periodo di specializzazione postuniversitaria, anche alla luce dei risultati non sempre ottimali che le Scuole di specializzazione hanno fornito in questi anni.

allegati

file Delibera del 2 luglio 2014 Delibera del 2 luglio 2014 (34,2 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale