Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Partecipazione equilibrata delle donne e degli uomini al processo decisionale.

pareri e proposte


emanato il 24 luglio 2014
Partecipazione equilibrata delle donne e degli uomini al processo decisionale.

La delibera è stata adottata su impulso del Comitato Pari Opportunità presso il CSM, che opera dal 1992 per rilevare le disuguaglianze nello svolgimento dell’attività lavorativa e promuovere la parità di genere.A distanza di dieci anni dalla precedente ricerca, i dati aggregati confermano che la composizione complessiva del corpo togato è quasi per la metà femminile e che la presenza delle donne è in avanzamento continuo ed ininterrotto, posto che le donne vincitrici di concorso sono in numero di gran lunga superiore a quello degli uomini.La circostanza che, invece, la presenza femminile negli incarichi apicali sia tuttora largamente minoritaria dimostra la perdurante ed allarmante esistenza della questione di genere.In tale prospettiva, il CSM - richiamate precedenti delibere volte a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, dare attuazione agli istituti a tutela della maternità e della paternità, promuovere una cultura di genere condivisa ed introdurre quote di risultato negli organismi rappresentativi - individua i possibili interventi per una futura azione del sistema di autogoverno, tra cui:

  • favorire la flessibilità e l'auto-organizzazione del lavoro;
  • promuovere l'utilizzo dei moderni strumenti tecnologici per il lavoro a casa;
  • istituire asili-nido sui luoghi di lavoro;
  • affinare il sistema di selezione dei dirigenti, valorizzando maggiormente le esperienze professionali maturate nella giurisdizione e negli uffici giudiziari, tenendo conto della minore mobilità che caratterizza il percorso professionale delle donne e che non deve rappresentare un indiretto fattore di discriminazione;
  • adottare misure materiali di sostegno e facilitazione della dimensione familiare, favorendo altresì la salvaguardia dell'unità dei nuclei familiari garantendo la piena funzionalità degli uffici.

 

allegati

file Delibera del 24 luglio 2014 Delibera del 24 luglio 2014 (55,3 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale