Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Parere, ai sensi dell’art. 10 legge n. 195/58, sul Disegno di legge concernente “Riforma della disciplina riguardante la responsabilità civile dei magistrati”.

pareri e proposte


emanato il 29 ottobre 2014
Parere, ai sensi dell’art. 10 legge n. 195/58, sul Disegno di legge concernente “Riforma della disciplina riguardante la responsabilità civile dei magistrati”.

Il parere in questione, approvato nell’ottobre 2014, afferisce al disegno di legge n. 1626, avente ad oggetto la riforma delle disposizioni che regolano la responsabilità civile dei magistrati, successivamente tramutatosi nella legge n. 18/2015, che ha inciso, modificandole, sulle norme contenute nella legge n. 117/1988.Il C.S.M. manifesta perplessità in merito all’intervento in cantiere, che muove dal discutibile incipit secondo cui il tema merita di essere riesaminato in ragione della “esigenza di un riequilibrio delle posizioni politico-istituzionali coinvolte e del superamento definitivo di un conflitto ancora in corso”, e rileva che la trama di fondo del d.d.l. sembra orientata ad una utilizzazione atipica dell’istituto della responsabilità civile per finalità ad esso non proprie, cioè per mettere pressione ai magistrati al fine di aumentare la diligenza del singolo e la qualità della giurisdizione, anziché in vista del conseguimento di obiettivi riparatori e compensativo-satisfattori.Successivamente, viene esaminata la relazione tra le norme di cui è proposta l’introduzione e l'orientamento della Corte di Giustizia in materia di responsabilità dello Stato per violazione manifesta del diritto europeo da parte di organo giurisdizionale di ultima istanza.Segue il vaglio, in chiave critica, dei singoli punti oggetto di intervento, a partire dalla determinazione dei presupposti, sul piano oggettivo e soggettivo, della responsabilità civile e dalle nozioni di “colpa grave” e “travisamento del fatto e delle prove”, sino a giungere alla  soppressione dell’art. 5 della legge n. 117/88, avente ad oggetto la valutazione preliminare di ammissibilità (il c.d. “filtro”) ed alla disciplina dell’azine di rivalsa e, infine, alle modifiche che interessano la magistratura onoraria.

allegati

file Delibera del 29 ottobre 2014 Delibera del 29 ottobre 2014 (120,9 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale