Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Direttive relative al tirocinio dei magistrati ordinari vincitori del concorso per esami a 340 posti di magistrato ordinario, indetto con D.M. 5 novembre 2014 e nominati con D.M. 3 febbraio 2017

circolari e risoluzioni - VI commissione e CPO


05 aprile 2017
Direttive relative al tirocinio dei magistrati ordinari vincitori del concorso per esami a 340 posti di magistrato ordinario, indetto con D.M. 5 novembre 2014 e nominati con D.M. 3 febbraio 2017

Con la circolare in oggetto il Consiglio superiore della magistratura, nello stabilire le direttive relative al tirocinio dei M.O.T. vincitori del concorso per esami a 340 posti, indetto con D.M. 05/11/2014, ha previsto che ai predetti (nominati con D.M. 03/02/2017), si applica il Regolamento per il tirocinio, adottato con delibera in data 13 giugno 2012.

Ha affermato inoltre che il tirocinio va inteso come percorso unitario, ancorchè distinto in un periodo da svolgersi presso gli uffici giudiziari e in un altro da tenersi presso la sede della Scuola, finalizzato a realizzare, senza cesure temporali, il contemperamento tra le esigenze di formazione concernenti le metodologie e l’ordinamento giudiziario e le esigenze formative di taglio più prettamente pratico.

Ha chiarito ancora che il tirocinio cd. generico dovrà essere finalizzato a fornire ai M.O.T. un quadro preciso dello statuto del magistrato (comprensivo degli aspetti ordinamentali e deontologici) e gli strumenti metodologici relativi ai saperi extragiuridici funzionali all’acquisizione della consapevolezza del proprio ruolo nella società e dei processi decisionali che lo riguardano, mentre il tirocinio cd. mirato dovrà essere volto a veicolare saperi e conoscenze, anche di natura extragiuridica, riferiti alle specifiche funzioni che i neo magistrati saranno definitivamente chiamati a svolgere.

Ha poi precisato che il tirocinio dei M.O.T. di cui trattasi avrà, a norma dell’art. 2, 3° comma, della L. n. 197/2016, la durata effettiva di 12 mesi e, in ragione del lasso temporale fissato dal Ministero della Giustizia per la presa di servizio (dal 10 al 20 aprile 2017), inizierà formalmente il giorno 10 aprile 2017 e terminerà il giorno 9 maggio 2018.

Ha aggiunto altresì che il tirocinio cd. generico (od ordinario) si svolgerà, nel lasso temporale compreso tra il 10/04/2017 e il 21/10/2017, presso il Tribunale civile, il Tribunale penale e Procura della Repubblica, oltre che presso la Scuola, mentre il tirocinio cd. mirato si svolgerà, nel lasso temporale compreso tra il 23/10/2017 e il 09/05/2018, presso un ufficio giudiziario in cui viene espletata una funzione analoga a quella di destinazione, oltre che presso la Scuola e comprenderà eventuali stage.

Ha precisato infine che la sessione presso gli uffici giudiziari avrà la durata complessiva di 11 mesi e si comporrà di una fase di tirocinio ordinario della durata di 5 mesi (ripartita in un periodo, di 3 mesi, da svolgersi presso gli uffici giudicanti e in un periodo, di 2 mesi, da svolgersi presso gli uffici requirenti) e di una fase di tirocinio mirato, della durata di 6 mesi (interamente svolta presso un ufficio dello stesso tipo di quello al quale il magistrato in tirocinio è stato assegnato a seguito della scelta della sede di destinazione, ai sensi dell’art. 13 del nuovo Regolamento per il tirocinio adottato con delibera del 13 giugno 2012), mentre la sessione presso la Scuola Superiore della Magistratura avrà la durata di 1 mese e si articolerà in 4 settimane alternate a quelle in cui risulta suddiviso il periodo di tirocinio ordinario.

 

 

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale