Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Sentenza n. 91/2015

Provvedimenti


Sentenza n. 91/2015

Presidente: LEONE                                              Estensore: PALAMARA

 

Illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni – Doveri del magistrato – Diligenza – La grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabile – Giudice per le indagini preliminari – Omessa pronunzia del decreto di giudizio immediato – Decorrenza dei termini massimi di custodia cautelare – Conseguenze -  Liberazione di persona indagata per gravi reati – Effetti negativi sullo status libertatis e sul trattamento – Esclusione -  Compromissione del prestigio dell’ordine giudiziario – Esclusione - Fatto di scarsa rilevanza – Illecito disciplinare – Insussistenza.

Non integra l’illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni per la grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabile la condotta  del giudice per le indagini preliminari il quale,  pur avendo avuto cognizione della presentazione della richiesta di giudizio immediato da parte del pubblico ministero,  dopo aver sottoscritto la richiesta prevista dall’art. 132, disp.att., c.p.p., ometta di assumere informazioni in ordine alle   determinazioni del giudice dibattimentale in ordine a tale richiesta e, di conseguenza, di predisporre e sottoscrivere il decreto di giudizio immediato entro il termine previsto dall’art. 455 cod.proc.pen., così determinando la scarcerazione di un  indagato per un grave delitto per intervenuta decorrenza del termine previsto dall’art. 303, comma 1, lett. a), n. 3), qualora la scadenza di tale termine non abbia  determinato alcun effetto negativo, né in relazione allo status libertatis del condannato, né in relazione alle possibili differenze di trattamento tra l’ipotesi della detenzione in custodia cautelare e della detenzione in espiazione della pena atteso che, in tali condizioni,  il  fatto deve considerarsi di scarsa rilevanza, potendosi escludere la lesione e la compromissione del prestigio dell’ordine giudiziario.

Riferimenti normativi:
Decreto legisl. 23 febbraio 2006, n. 109, art. 2, comma 1, lett.g)

allegati

Sentenza n. 91 del 2015 (33,3 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale