Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Ordinanza n. 129/2015

Provvedimenti


Ordinanza n. 129/2015

Presidente: LEONE                                              Estensore: SAN GIORGIO

 

Illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni – I comportamenti che violando i doveri di imparzialità, correttezza, diligenza, laboriosità, riserbo, equilibrio, rispetto della dignità delle persone, arrecano ingiusto danno od indebito vantaggio ad una delle parti - Giudice di collegio di  appello – Relatore  – Omesso controllo sulla scadenza della efficacia della misura cautelare – Tardiva liberazione dell’imputato – Ragioni – Tardiva consegna al magistrato del fascicolo processuale – Illecito disciplinare – Inconfigurabilità.

Non configura l’illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni per  comportamenti che violando i doveri di imparzialità, correttezza, diligenza, laboriosità, riserbo, equilibrio, rispetto della dignità delle persone, arrecano ingiusto danno od indebito vantaggio ad una delle parti, la condotta del componente del collegio di appello il quale, nella qualità di  relatore,  ometta di  liberare tempestivamente l’imputato per la scadenza del termine massimo di durata della misura cautelare, qualora risulti che il ritardo è stato determinato dalla tardiva consegna al magistrato del fascicolo processuale.

Riferimenti normativi:
Decreto legisl. 23 febbraio 2006, n. 109, art. 2 comma 1, lett. a)

 

 

Illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni – Doveri del magistrato – Diligenza -  La grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabili – Giudice di  collegio di  appello – Relatore – Scadenza della efficacia della misura cautelare – Tardiva liberazione dell’imputato – Causa dell’omissione –  Carenze organizzative della cancelleria - Tardiva consegna al magistrato del fascicolo processuale – Illecito disciplinare – Inconfigurabilità.

Non configura l’illecito disciplinare nell’esercizio delle funzioni per la grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabili la condotta del componente del collegio di appello il quale, nella qualità di  relatore,  ometta di  liberare tempestivamente l’imputato per la scadenza del termine massimo di durata della misura cautelare, qualora risulti che il ritardo è stato determinato dalla tardiva consegna al magistrato del fascicolo processuale, determinata da una carenza organizzativa della cancelleria.

Riferimenti normativi:
Decreto legisl. 23 febbraio 2006, n. 109, art. 2 comma 1, lett. g)

 

allegati

Ordinanza n. 129 del 2015 (26,1 kB)

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale