Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

Brevi dal plenum

News


27 luglio 2017

Brevi dal plenum

Il plenum, nelle sedute del 26 e 27 luglio 2017 ha provveduto a coprire numerosi posti vacanti.

Uffici direttivi:

  • Procuratore Matera: nominato il dott. Pietro Argentino, attualmente sostituto Taranto
  • Presidente Tribunale Foggia: nominato il dott. Carlo Domenico Di Corrado, attualmente Presidente sezione tribunale Foggia
  • Presidente Tribunale Ragusa: nominato il dott. Biagio Insacco, attualmente Presidente sezione appello Palermo
  • Presidente Tribunale Rovereto: nominato il dott. Giulio Adilardi, attualmente fuori ruolo presso la segreteria del CSM
  • Presidente Tribunale Bergamo: nominato il dott. Cesare De Sapia, attualmente Presidente sezione tribunale Milano
  • Presidente Tribunale Trieste: nominato il dott. Piervalerio Reinotti, attualmente consigliere corte appello Trieste
  • Procuratore Brindisi: nominato il dott. Antonio Giuseppe De Donno, attualmente sostituto Lecce
  • Procuratore Napoli: nominato il dott. Giovanni Pio Luciano Melillo, attualmente sostituto procuratore generale Roma.

Uffici semidirettivi:

  • Presidente sezione tribunale Avellino: nominato il dott. Roberto Melone, attualmente giudice Benevento
  • Procuratore aggiunto Trani: nominato il dott. Achille Bianchi, attualmente giudice Bari
  • Presidente sezione Tribunale Ravenna: nominata la dott.ssa Cecilia Calandra, attualmente consigliere corte appello Bologna
  • Presidente sezione Tribunale Reggio Emilia: nominato il dott. Francesco Parisoli, attualmente consigliere corte appello Bologna
  • Presidente sezione Corte appello Catania: nominato il dott. Giuseppe Ferreri, attualmente Presidente Tribunale Enna
  • Avvocato generale L’Aquila: nominato il dott. Alberto Sgambati, attualmente sostituto procuratore generale L’Aquila.

Collocamenti fuori ruolo:

  • dott. Marco Dall’Olio, attualmente fuori ruolo quale Vice Segretario del CSM: conferma del collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, con funzioni di Capo dell’Ispettorato generale
  • dott.ssa Clelia Testa Piccolomini, attualmente giudice Tivoli: collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, Dipartimento affari di giustizia
  • dott. Gianluca Forlani, attualmente Fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia: conferma del collocamento fuori ruolo presso la Rappresentanza permanente presso l’Unione Europea
  • dott.ssa Maria Agrimi, attualmente giudice Roma: collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, come Vice capo di Gabinetto.

Trasferimenti extraordinem:

  • dott. Giancarlo Longo, attualmente sostituto Siracusa: trasferimento come giudice Napoli
  • dott. Francesco Gennaro Donato, attualmente giudice Asti: trasferimento come consigliere corte appello Milano
  • dott.ssa Rosa Scotto di Carlo, attualmente Presidente sezione tribunale Cosenza: trasferimento come consigliere lavoro corte appello Roma, ex art. 46 d.lgs. 160/06.

Sono stati, infine, pubblicati numerosi posti direttivi e semidirettivi. L’elenco completo è disponibile in allegato.

 

Su proposta della Prima commissione, è stata approvata una circolare che detta le regole relative all’iter per l’applicazione dell’art. 2 legge guarentigie. I cardini salienti della nuova disciplina sono la fissazione di precise scansioni temporali in funzione acceleratoria, così da assicurare l’efficienza delle procedure, e la previsione di garanzie per l’interessato, nell’ottica del giusto procedimento. Più in dettaglio, la sequenza si articola in una fase iniziale c.d. “conoscitiva”, funzionale a verificare – mediante attività istruttoria – gli elementi della vicenda, di una eventuale fase istruttoria c.d. garantita (nel senso che l’interessato viene reso edotto del fatto contestatogli, può conoscere gli atti e può difendersi in contraddittorio) e in una fase decisoria (archiviazione o trasferimento d’ufficio). Una disciplina estremamente dettagliata riguarda i termini per la conclusione di tali fasi e gli effetti del loro mancato rispetto, con l’obiettivo di stabilire tempi certi per le stesse, così assicurando efficacia alla procedura e precise garanzie all’interessato in ordine alla durata della medesima. Vengono inoltre stabiliti i casi in cui il procedimento non può essere iniziato o proseguito: in particolare, il trasferimento ad altra sede che faccia venire meno le ragioni di incompatibilità determina la chiusura del procedimento stesso, mentre l’applicazione determina la sua sospensione. La circolare può essere consultata nella sezione del sito relativa alle principali circolari e delibere della Prima commissione.

 

Su proposta della VI commissione, sono state approvate le Linee guida per la Formazione 2018, da inviare alla Scuola superiore della Magistratura, per definire l’offerta formativa diretta ai magistrati ordinari, ai magistrati in tirocinio, ai magistrati onorari e ai dirigenti degli uffici giudiziari. I contenuti salienti che devono, ad avviso del Consiglio, connotare la formazione ruotano attorno ai seguenti nuclei: contrasto alla violenza di genere, misure patrimoniali antimafia, protezione internazionale, immigrazione e minori stranieri, misure di sicurezza detentive e superamento degli OPG, contrasto al fenomeno delle agromafie, esame preliminare dei ricorsi e tecniche di redazione dei provvedimenti, responsabilità civile, analisi delle tematiche processuali civili e penali, formazione interdisciplinare, cultura dell’organizzazione, questioni ordinamentali, profili deontologici, utilizzo delle nuove tecnologie. La delibera può essere consultata nella sezione del sito relativa alle principali circolari e delibere della Sesta commissione.

 

Su proposta della VII commissione, è stato approvato il parere sulla proposta del Ministro della Giustizia di rideterminazione delle piante organiche degli uffici giudicanti di secondo grado di Milano, Napoli e Roma. Si tratta del completamento dell’attività funzionale alla ridefinizione delle piante organiche di secondo grado, che segue il parere reso il 21 giugno 2017. Il lavoro di analisi della proposta ministeriale anche in questo caso è stato effettuato sulla base dello studio dei carichi di lavoro, dei flussi, delle pendenze e delle sopravvenienze, con particolare riferimento al c.d. tasso di ricambio (il rapporto tra procedimenti iscritti e definiti). Sulla base di tale istruttoria, il Consiglio ha espresso un articolato e positivo parere, subordinato al recepimento delle indicazioni relative alla necessità di incrementare, per ciascuno dei tre uffici analizzati, l’aumento di posti ipotizzato dal ministero). In tal modo, il Consiglio intende fornire al Ministero il proprio contributo conoscitivo, relativo alla verifica della compatibilità delle scelte ministeriali con la situazione di ciascun ufficio. Il testo del parere è disponibile nella sezione del sito in cui sono raccolte le principali circolari e risoluzioni della Settima commissione.

 

Nella sezione concorsi e interpelli saranno disponibili i bandi relativi ai posti direttivi e semidirettivi nonché gli interpelli relativi: alla nomina di un componente del Comitato direttivo della Scuola superiore della Magistratura, a 3 posti di commissario agli usi civici, al posto di Vice Segretario generale del CSM, a un posto di magistrato presso la Segreteria generale del CSM.

 

I testi di tutte le proposte approvate dal plenum (fatti salvi eventuali emendamenti) sono consultabili nella sezione del sito relativa agli ordini del giorno di plenum.

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale