Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

indietro

CSM approva risoluzione per la selezione di periti e consulenti nei procedimenti di responsabilità sanitaria

Comunicati stampa



Consiglio Superiore Magistratura Logo
CSM approva risoluzione per la selezione di periti e consulenti nei procedimenti di responsabilità sanitaria


Il Consiglio Superiore della Magistratura ha approvato all’unanimità una risoluzione con la quale si interviene sui criteri per la selezione di periti e consulenti da parte dell’autorità giudiziaria nei procedimenti che hanno per oggetto la responsabilità sanitaria.

Con questa risoluzione, proposta dalla VII Commissione presieduta da Claudio Galoppi, il Csm raggiunge due obiettivi. In primo luogo tale decisone avvia, con tempestività, l’attuazione delle novità legislative introdotte dalla legge n. 24 del 2017, che ha previsto la revisione dei relativi albi, compresi taluni criteri validi per le future nuove iscrizioni, quali l’indicazione dell’esperienza professionale maturata e degli incarichi conferiti e revocati. In secondo luogo tale decisione diventa un utile precedente per procedere, anche negli altri settori in cui si articolano gli albi dei periti tenuti presso ogni tribunale, nella direzione di una maggiore trasparenza ed efficienza delle nomine dei periti, consentendo al magistrato di accedere con facilità ad elenchi e a curricula aggiornati.

Relatori della pratica sono stati il consigliere Claudio Galoppi, presidente della Settima Commissione e il professore Renato Balduzzi., a cui giudizio “superare la situazione che permetteva l’iscrizione in tali albi con il mero possesso del titolo di specialista significa dare al magistrato la possibilità di avvalersi di ausiliari con specifica e comprovata esperienza, sapendo quali e quanti incarichi il professionista nominando ha avuto e le loro vicende”.
Questo è il frutto - prosegue  Balduzzi - della collaborazione tra Csm, Federazione nazionale degli Ordini dei Medici e Consiglio nazionale forense, che hanno condiviso l’esigenza di stipulare appositi protocolli contenenti linee guida rivolte a tribunali e ordini professionali per favorire l’omogeneità dell’attuazione della legge 24. Ciò costituirà una maggiore garanzia sia per il magistrato chiamato a esercitare il proprio ruolo di peritus peritorum, sia per le parti del processo, a cominciare dalla parte offesa”.

Roma, 26 ottobre 2017

  • Email

immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale