Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Paolo Borsellino

Il "disarmo" dell'antimafia: la denuncia pubblica di Borsellino

 

La sezione raccoglie i seguenti documenti:

  • verbale della I commissione referente, in seduta congiunta col Comitato Antimafia, relativo all'audizione di Paolo Borsellino (31 luglio 1988) con allegati:
    • relazione a firma Paolo Borsellino indirizzata all'Ispettorato del Ministero della Giustizia (30 luglio 1988)
    • appunti manoscritti di Borsellino relativi all'incontro del 16 luglio 1988 presso il centro culturale Lombardo Radice
    • lettera al Direttore del quotidiano Repubblica
  • relazione ispettiva del Ministero di Grazia e Giustizia 31 agosto 1988 con allegati:
    • estratti di stampa relativi alle dichiarazioni rese da Borsellino
    • relazione del Procuratore generale di Palermo (29 luglio 1988)
    • relazione Paolo Borsellino (22 luglio 1988)
    • relazione Paolo Borsellino (28 luglio 1988)
    • nota a firma Antonino Meli (capo ufficio istruzione di Palermo) (26 luglio 1988)
    • nota a firma Antonino Meli (16 giugno 1988)
    • nota di trasmissione atti a firma S. Curti Giardina, Procuratore di Palermo (28 luglio 1988)
    • nota del CSM (30 maggio 1988)
    • nota a firma S. Curti Giardina (30 maggio 1988)
    • nota del Presidente del Tribunale di Palermo (12 luglio 1988)
    • lettera a firma Giovanni Falcone (30 luglio 1988)
  • verbale plenum 14 settembre 1988 relativo alla situazione dell'ufficio istruzione di Palermo
  • verbale plenum 25 gennaio 1990 relativo alla pratica aperta sulle dichiarazioni di Borsellino

 

*****


Paolo Borsellino è stato parte fondamentale del pool antimafia dell’ufficio istruzione di Palermo che ha rivoluzionato il modo di indagare e raccogliere prove nei processi di mafia. Le esperienze dell’ufficio diretto prima da Rocco Chinnici e poi da Antonino Caponnetto avevano condotto alla costruzione del maxi-processo, attraverso un metodo fondato sul lavoro di gruppo, la specializzazione, la circolazione interna delle informazioni, ed aveva condotto alla fondamentale acquisizione della unitarietà di Cosa Nostra, organizzazione verticistica la cui Cupola governava e regolava ogni attività illecita sul territorio.

La ponderosa e storica ordinanza-sentenza di rinvio a giudizio era stata redatta durante un periodo di esilio all’Asinara che aveva richiesto il trasferimento obbligato dei nuclei familiari di Borsellino e di Falcone, amici da sempre.

Con delibera del 22 maggio 1986, Paolo Borsellino viene nominato Procuratore di Marsala; il C.S.M. lo preferisce ad altri aspiranti più anziani, valorizzando attitudini e specializzazione.

Il 19 gennaio 1988 il Consiglio Superiore della magistratura nomina Antonino Meli quale successore di Caponnetto all’ufficio istruzione e, di fatto, boccia Giovanni Falcone. Il criterio di scelta è esattamente opposto a quello utilizzato per la nomina del Procuratore di Marsala; si preferisce l’anzianità alle attitudini. È una grande delusione per i componenti del pool che, però, continuano il loro lavoro senza esitazioni e iniziano a collaborare con il nuovo dirigente ma, molto presto, insorgono contrasti sul modo di lavorare del pool e sul prosieguo delle indagini di mafia. Il Consigliere Istruttore dimostra un approccio burocratico alla gestione dell’ufficio, controlla le statistiche del carico di lavoro ordinario, non assegna i processi secondo le regole tabellari che indicano la competenza del pool ed attribuisce i processi di mafia a tutti i giudici della sezione, con conseguente atomizzazione delle indagini e polverizzazione delle conoscenze in mille rivoli processuali; trasferisce per competenza territoriale ad altri uffici alcuni processi, mettendo in discussione l’intuizione vincente del maxi-processo e cioè l’unitarietà di Cosa Nostra, intesa come struttura criminale verticistica cui ricondurre l’intero programma criminoso e la realizzazione dei reati fine.

I contrasti arriveranno fino al Consiglio Superiore della Magistratura che, fra il 31 luglio ed il 1° agosto 1988, li ascolterà in lunghissime audizioni, cariche di tensioni. Il 30 luglio Giovanni Falcone aveva chiesto al Presidente del Tribunale di essere destinato ad altro incarico. Fra le motivazioni … “Paolo Borsellino, della cui amicizia mi onoro, ha dimostrato ancor una volta il suo senso dello Stato ed il suo coraggio, denunciando pubblicamente omissioni ed inerzie nella repressione del fenomeno mafioso che sono sotto gli occhi di tutti. Come risposta è stata innescata un’indegna manovra per tentare di stravolgere il profondo valore del suo gesto, riducendo tutto ad una bega tra “cordate di magistrati, ad una ‘reazione’ cioè fra magistrati ‘protagonisti’ oscurati da altri magistrati  …”.

Falcone si riferisce, evidentemente, alle polemiche ed agli accertamenti istituzionali in corso nei confronti di Paolo Borsellino, a seguito di sue interviste pubblicate il 20 luglio sui giornali “La Repubblica” e “L’Unità”, aventi ad oggetto il contenuto di un intervento reso il 16 luglio ad un convegno per la presentazione di un libro in tema di mafia.

Dichiarazioni forti, con titoli eloquenti come “Lo Stato si è arreso, del pool antimafia sono rimaste macerie” e “Vogliono smantellare il pool antimafia”. L’intervista conteneva precise critiche al metodo di gestione dell’Ufficio Istruzione del Consigliere Meli che veniva accusato di aver azzerato il pool e disarticolato il metodo investigativo che aveva condotto al maxi-processo. Il 21 luglio “La Repubblica” pubblicava la replica di Meli che sottolineava che “nemmeno una parola di quello che aveva dichiarato Borsellino era rispondente alla realtà dei fatti”. Nei giorni successivi la polemica era ripresa dall’intera stampa nazionale ed il Presidente della Repubblica chiedeva al C.S.M. ed al Ministro della giustizia ogni utile informazione sulla questione. La stampa dava altresì notizia di contrasti interni alla Procura di Palermo, analoghi a quelli dell’Ufficio Istruzione.

In questo quadro Paolo Borsellino è chiamato a relazionare dall’Ispettorato del Ministero e rende audizione al C.S.M. il 31  luglio.

Sono documenti che vanno letti insieme, tutti d’un fiato, che ci restituiscono il profilo di un magistrato rigoroso e appassionato, che soffre nel vedere in difficoltà i colleghi del suo vecchio ufficio e, soprattutto, nell’assistere ad un oggettivo arretramento del contrasto alla mafia. Egli aveva costanti informazioni da Falcone e dagli altri magistrati del pool, che gli confidavano tutto il disagio e lo scoramento per lo stato delle cose. Aveva potuto verificare direttamente il cambio di rotta giudiziaria sulla competenza, quando Meli aveva trasferito a Marsala il troncone di processo sulla cosca di Mazara del Vallo, così invertendo le regole di riferimento sui cui si era fondato il maxi-processo e che la Cassazione aveva già convalidato.

Deve fare qualcosa. Il suo amico Giovanni continua a lavorare ed a cercare la strada del dialogo interno con il suo dirigente, fra mille difficoltà e delusioni; tocca a lui la denuncia pubblica, perché occorre fare qualcosa.

Sarebbe ipocrita dire cose diverse nel contesto di un convegno in cui si parla di mafia. Borsellino parla a braccio ma segue degli appunti manoscritti che, a leggerli oggi, destano grande emozione. Consegna gli appunti ad un giornalista che poi glieli restituirà dopo qualche giorno e ne affiderà il contenuto ai quotidiani che decidono di pubblicarli sotto forma di intervista.

La denuncia coglie nel segno.

Il lavoro dell’Ispettorato è puntuale e meticoloso e raccoglie relazioni da tutti i protagonisti di quella difficile stagione. Nel composto linguaggio ministeriale si evidenzia che “la crisi del gruppo antimafia costituito presso l’Ufficio Istruzione di Palermo, emblematicamente formalizzata con la richiesta del dott. Falcone di essere destinato ad altro incarico, affonda le sue radici nell’ottica con cui il dr. Meli ha inteso assolvere i propri compiti di Capo di quell’ufficio … Addirittura il dr. Meli … ne teorizzava sostanzialmente la graduale soppressione, a suo dire già in atto, sul rilievo che tutti i cittadini imputati, quale che sia il reato loro ascritto, avevano diritto alla eguale definizione della loro posizione in tempi relativamente brevi”.

Le dichiarazioni di Paolo Borsellino corrispondevano alla realtà, anche nelle verifiche dell’Ispettorato. Gli organi competenti, ad iniziare dal Consiglio Superiore, ne erano già conoscenza, ed era noto che la conduzione dell’ufficio era contraria ai criteri tabellari.

Ma i canali istituzionali si attiveranno solo dopo quelle interviste, solo dopo la denuncia pubblica di un magistrato coraggioso.

Che si presenta il 31 luglio per le audizioni che il C.S.M. dedica alla situazione dell’ufficio istruzione di Palermo. La lunga audizione consente di chiarire la questione, ricostruire l’impegno antimafia del Procuratore di Marsala, la sua preoccupazione per aver avvertito un “calo di tensione” pericoloso nel contrasto alla criminalità organizzata.

Non rinnega l’utilizzazione del mezzo pubblico per la sua denuncia. Ne rivendica il valore culturale e di impegno civile. Le sue parole sono sempre di straordinaria attualità, come quando sostiene che è indispensabile che l’opinione pubblica debba essere costantemente informata, rivendicando che le indagini abbiano una indubbia valenza culturale proprio perché rese note, raccontate, e come sia importante un costante dibattito sulle questioni e sulle criticità delle attività giudiziarie antimafia: “sono vissuto in una società in cui quando avevo quindici anni, un mio compagno di classe si vantava di essere il figlio o il nipote del capo mafia del paese ed io lo invidiavo; oggi, a prescindere da quello che è lo sbocco giudiziario delle indagini, cioè delle eventuali condanne, le indagini stesse hanno avuto di riflesso una valenza culturale, proprio perché sono state diffuse, sono state rese pubbliche, perché la gente se ne è interessata, perché oggi non ci sono probabilmente più giovani a Palermo che come me a quindici anni invidiavano il compagno di classe perché figlio del capo mafia”.

Il 14 settembre 1988 il Consiglio Superiore chiude la pratica relativa alla gestione dell’ufficio Istruzione, con un provvedimento salomonico. Giovanni Falcone ritira la domanda di trasferimento.

Il 25 gennaio 1990, su proposta della prima Commissione, il Plenum delibera l’archiviazione della pratica aperta in relazione alle interviste rilasciate da Paolo Borsellino.

 

(testo curato dal Cons Antonio Ardituro)


  • Email
immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale