Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella sezione note legali.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Il Consiglio Superiore della Magistratura secondo la Costituzione

L' Assemblea costituente

La sezione ospita gli atti della seconda sottocommissione (ordinamento costituzionale dello Stato) nominata in seno  all’assemblea Costituente.

La commissione era incaricata di affrontare, per la redazione del progetto di costituzione, i problemi relativi all’autonomia e all’indipendenza del potere giudiziario, ed i rapporti con gli altri poteri dello Stato.

Come noto il Costituente ha dedicato particolare attenzione al problema dell’autonomia e dell’indipendenza dei giudici, prevedendo la magistratura ordinaria come  «un ordine autonomo indipendente da ogni altro potere» (art. 104) e creando un organo di autogoverno: il Consiglio superiore della magistratura, al quale è affidata l’intera carriera di tutti i magistrati (art. 105).

Dagli atti qui presenti appare chiaro come i «padri Costituenti» capirono la necessità di recidere il «vincolo di soggezione» della magistratura all’esecutivo e di costituire la stessa «in un ordine che per essere a sua volta autogovernato, cioè indipendente da ogni altro potere», assicurasse l’indipendenza dei suoi componenti (on. Leone).
Se ne individuarono i compiti (che l’on. Ruini definì «i quattro chiodi»): nomine, promozioni, disciplina, trasferimenti. Lungamente si discusse della sua composizione. Si fronteggiarono due tesi. L’una, ispirata dai magistrati e da quanti avevano a cuore una rigida interpretazione della divisione dei poteri (ad esempio, on.li Cortese, Buozzi, Dominedò, Perlingieri ecc.), voleva che il C.S.M. fosse composto soltanto di magistrati, perché solo in questo modo si sarebbe evitato il rischio di contaminazioni (on. Dominedò) e quello di far «penetrare la politica nelle decisioni singole; di far giungere indebite pressioni ed ingerenze professionali agli organi giudiziari» (on. Caccuri). L’altra tesi partiva, invece, dalla consapevolezza che bisognava evitare di creare un corpo separato e di fare il C.S.M. despota dell’ordinamento della magistratura (on. Grassi). Era da perseguire l’esigenza di realizzare un’armonia istituzionale (on. Varani), di assicurare continuità tra vita sociale e vita istituzionale e di far sentire un soffio di vita esterno all’ordine giudiziario (on. Leone), di impedire la creazione di uno «stato nello stato», di una «casta chiusa e intangibile» (on. Preti), «separata e irresponsabile» (on. Dominedò), un «mandarinato» (on. Persico), un organo del tutto separato dagli apparati amministrativi dello Stato e sottratto al controllo dell’organo di rappresentanza popolare, dei mezzi d’informazione e della stessa pubblica opinione (on. Cappi). La proposta contenuta nell’art. 97 del progetto originario di Costituzione assegnava al C.S.M. una composizione paritetica, con la partecipazione «fuori quota» del Primo Presidente della Corte di Cassazione quale Vice Presidente. Nel contrasto fra le due ricordate posizioni si pervenne ad un compromesso e fu accolto l’emendamento suggerito dall’on. Scalfaro nella seduta pomeridiana del 12 novembre 1947: due terzi dei membri togati e un terzo di membri laici.
Vi furono discussioni anche in ordine alla presidenza del C.S.M. Originariamente si propose di conferire la presidenza o almeno la vice presidenza al Ministro della giustizia o al Primo Presidente della Corte di Cassazione. Le proposte furono respinte al fine di garantire al C.S.M. un’indipendenza strutturale assoluta (on.li Calamandrei e Buozzi). Si optò per dare la presidenza al Capo dello Stato quale garante della sua unità (on. Buozzi), con una soluzione che rispondeva anche ad esigenze di «simmetria istituzionale» (on. Leone), alla necessità di impedire che il C.S.M. diventasse «un corpo chiuso e ribelle», una specie di «cometa che possa uscire per conto suo dall’orbita costituzionale» (on. Calamandrei). Consapevoli che il Capo dello Stato avrebbe potuto partecipare alla vita del Consiglio soltanto nelle occasioni solenni, si pensò di affiancargli un organo ausiliario, che avrebbe assunto la presidenza effettiva del Consiglio. Anche qui si pensò inizialmente al Ministro della giustizia o al Primo Presidente della Corte di Cassazione (on.li Leone, Condorelli, Perlingieri); si pervenne, infine, ad un compromesso, facendo sì che il Vice Presidente fosse eletto dal Consiglio tra i membri laici....

La raccolta completa degli atti del progetto di Costituzione della Repubblica Italiana è consultabile e disponibile sul sito della Camera dei Deputati da cui provengono i documenti contenuti in questa sezione.


  • Email
immagine organizzazione innovazione e statistiche organizzazione innovazione
e statistiche
immagine international corner area internazionale international corner
area internazionale